"press - impressions"



(November 2011)
2011 - Antonio Bartoccetti exclusive interview


Antonio Bartoccetti is a living legend in the Italian and world wide prog rock scene. His two musical outlets Jacula and Antonius Rex has both been the pioneers and the giants in the darker progressive rock scene. 
I got in touch with him and here is his story.


Let me see; you started up Jacula as a youth mistake according to your own words (according to Wikipedia) and released your first album in 1969. Why did you start up Jacula and what was your visions with this band ?  

First of all, thank you for your interest in my project, I love your site as a reference for worldwide prog lovers, it's a pleasure to answer your questions.
I never said Jacula was a youth mistake... my words referred to Dietro Noi Deserto, a project born through the friendship with Alvin Lee. "Dentro me" was too commercial and, when Decca organized a tour, I stopped everything because I didn't like the musical direction ... instead Jacula was born as a serious project with no mistakes!!

Let' move onto the two first Jacula albums. Please tell us more about.....

"In Cauda Semper Stat Venenum" (1969) is my first album as a result of all my esotheric experiences I had with Wizard Franz Parthenzy. This is an important album both for lyrics and music innovation. I was a beginner with my Gibson SG but I had already my style. I recorded 'Triumphatus Sad' by a Gibson SG Standard and a Vox AC-30 put in a metallic box and a microphone lodged on a perforation on the box  ... Doris Norton Hammond was fantastic and is incredible how this record began a cult .

"Tardo Pede in Magiam Versus" is an album less instinctive, more deeply composed ... best parts are Charles Tiring church organ, Doris Norton Minimoog, the 'U.F.D.E.M.' voice  and the song Jacula Valzer is a real prog symbol of Jacula music. In this album people wanted to see the evil presence ... I see a white presence instead opposed to the black presence in the eternal struggle between good and evil...

After that, Jacula went into a very deep sleep and the band/project Antonius Rex came into being. Why did you abandon Jacula and set up Antonius Rex as your creative vehicle ?

In 1972 we had some contrasts with organist Charles Tiring, then I preferred to move interest on Antonius Rex project because it permitted to express myself in a wide range of musical genres spacing from classical sound, progressive music, hard rock and recently heavy metal and doom metal too. So in 1974, with drummer Albert Goodman, we realised  the first work of Antonius Rex called "Semper Neque Arcum Tendit Rex" (The King does not always use his bow ........... for a time the King will not kill you).   

A lot of albums followed. Please tell us more about.......

Neque Semper Arcum Tendit Rex (1974):
I was young and I wanted to dominate the world. We worked strong to realise this album ... we were in London and Albert Goodman was sure to introduce easily the band to Vertigo Label to obtain an agreement ... but things went really different and the album was released on the small record label of Albert who was not able to support the planned promotions ...

Zora (1977): I don't like this album. My son Anthony was born and I was not really concentrated in this project. "Zora" does'nt give off a pervading  mood ...... anyway it become a cult album. I like the reissue 2009 (on Black Widow label) beacause it features a very  good CD booklet and, above all, the unreleased track 'Monastery' .

Anno Demoni (1979): I like it even if is too much electronic ... 'Gloria Manus' is my preferred track.

Ralefun (1979): I love compositions, above all "Magic Sadness" and "Incubus" but we realised this album too fast only thinking to money the producer paid for ... We recorded it in Germany ... I think would be better with a different mixing ... Also for this album I like the great Black Widow reissue featuring the unreleased track 'Proxima Luna'  (from 1980).

Praeternatural (1980): I love this album, we made it free from any imposition or bad influence ... we simply recorded as we felt and all is spontaneous ... I love the result ...I  love the concept and philosophy of this album... in this world "everything is false" better living for a 'praeternatural' world.

Magic Ritual (2005): this album was issued after the release of  the DVD "Magic Ritual".. Black Widow issued only vinyl version with 2 long suites ... Magic Ritual and Fairy Vision ... I'm not 100% satisfied by the video, but I love the soundtrack ! I received thousands of emails from all over the world, and particulary from Brasil, USA, Colombia, Chile, North Europe, Romania (where  my friend wizard Monika Tasnad lives). I think my progressive vein was at his top in this album!

Switch on Dark (2006): I think the audience feel big emotions listening to this album. I guess is one of the best I realised ever... I'm sure it is ...

Per Viam (2009): the concept of this album work around the song Woman of the King...his message and ideology is not easy to understand...I wrote the following words before to compose the music of this song (as usually I do):
Despite the objective presence of unseen forces of terror meanwhile he goes for endless moments in the terrifying mountain path that leads to his home, the memory of an occult, strange and terrible beauty of that magic girl with big eyes had entered in the darkest area of  the mind and she repeatedly asked him, as woman of the King, to be killed, and she endlessly repeating the phrase 'I am yours'...
People love the revisited version of U.F.D.E.M., a really heavy cover version with the original vocals.

Then you returned with a new Jacula album this year called Pre Viam. Please tell us more about this album, the return to Jacula and where this leave Antonius Rex.

Pre Viam...(anagram of Vampire) move the concept to sadness, melancholy and suicidal tendencies of the main character I describe in 7 musical frames. I introduced the concept of "Perseverant music"...I put some symbolic and emotional phrases repeated with psychic obsession. Pre Viam is an opera where Prog, Rock, Folk and Gothic elements come together in a Medieval setting of great emotional impact. I think that I was able to join the musical history of Jacula with an emotional musical dimension suitable to the present day, a perfect fusion creating a unique atmosphere: I'm really satisfied about the final product.

You have had a lot of help from other members of Antonius Rex and Jacula in creating your albums. Please tell us how you recruited these members and where they are now.

Charles Tiring was the first organist...a very fine musicians. I went to his house with my acoustic guitar and we wrote music for organ together. He was a 68 years old man with a very very young and beautiful wife.... Albert Goodman was a poor drummer but promised us an agreement with Vertigo...both of them I met in strange circumstances....
I worked with flute player Hugo Heredia, drummer Tullio De Piscopo, Bass player Marco Ratti. Over the years me and Doris started working by ourselves. In 2009 my son Rexanthony, a creative keyboard player replaced Doris giving a new imprinting to my compositions. He played all keyboards, synth, piano parts in Pre Viam. In this last album we had two female voices, Blacklady from Norway and Katia Stazio who play Pre Viam and Deviens Folle...two different personalities who interpreted at the best the concept of Pre Viam... We are evaluating the voice of a further singer, Eleonore X. ..... she were singing in a bad piano bar ......

There is one common theme which runs through Jacula and Antonius Rex and that is occultism. Or friendship with the devil, the fallen angel. Please tell us more about the imagery you project and the occultism you project. Please explain to us your philosophy and outlook on life.

Well...first of all...Devil exists and he created the Church fortune. No one choose to born, however, as my message told in Pre Viam (look at 18 veritates video), the human being has to get rid of guilt. I always declared; Christian? YES, Catholic? NO...Christianity leave me free to have a direct contact with God, instead Catholic church is based on men's laws, power, money. To be free from the earthly laws, based on sex and gold, we strongly need to enter in the praeternatural and then to the trascendental, communicate with the spirits to realize the other reality. Life is violent for people born unlucky...we strongly need to love ourselves, respect ourselves in order to be in harmony with the other.

Inbetween the Jacula and the Antonius Rex albums; what have you been up to and what is your other occupations in life ?

Jacula is a mystic band: Antonius Rex is more representative of my own for his energy and possibility to move into different musical languages and really "busy", I'm not a mere mortal...a mere mortal has a good job, with a good remuneration, an unwanted child, a good car, false friends..... I live with knowledge without look to gold or falsehood of business. My knowledge permit me to compose my music and in my mystic research...I often share my nights with 3 schizophrenic patients...I attend two cloistered nuns too and recently I met Sandra W., a really mysterious medium...I love to sleep in the crypts and to listen music there with one of my cats...I also usually attend wizard Monika Tasnad, she knows how to summon spirits and demons...I always support the fight for the environment and against pedophilia...

What is the future plans for both Antonius Rex and Jacula ?

The next Jacula, scheduled for 2013 is just recorded and called Mystic Voices. The next Antonius Rex is called H.D. 2012 (it doesn't mean High Definition... of course) is a Heavy album, extreme for music and contents...I started working on C.M. too...a future Antonius Rex project that I started in May 2011 after a talking with the Dark Lady.

To wrap up this interview, is there anything you want to add to this interview ?

People say our music unveils latent inconscious images. Our music has been and will be an esoteric symbol that expresses the lost advantage that gives the cultural function of the mystery, the charming and narrow margin of his spiritual escape. In our works music impressions describe the indescribable, we tried to give a further chance to assume its application... 


(november 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - Review

Tracklist: Jacula Is Back (7:08), Pre Viam (9:25), Blacklady Kiss (6:15), Deviens Folle (5:58), In Rain (5:53), Godwitch (6:37), Possaction (5:38) Bonus Video 18 Veritates (4:41)

The oldest of the projects in which Italian multi-instrumentalist Antonio Bartoccetti (Antonius Rex leader) has been involved in the past 40 years, Jacula give new meaning to the definition of "cult band". Their first two albums, released in the very first years of the progressive rock explosion, with their cryptic Latin titles and über-Gothic atmospheres, have commanded the sort of admiration that borders on worship - in spite of their decidedly idiosyncratic nature and somewhat controversial subject matter. In particular, their debut album, In Cauda Semper Stat Venenum (allegedly released in 1969), with its dense, claustrophobic mood, full of references to the occult, and liberal use of a distorted guitar tone, anticipated in many ways Black Sabbath's seminal debut, though it was obviously doomed to obscurity by its non-English origins. Jacula's shock value, however, was in many ways more genuine than the comparable efforts of bands such as Coven and Black Widow, avoiding references to Satanic paraphernalia such as the Black Mass, and concentrating instead on a form of occult belief based on the soul's survival after death (something that found fertile breeding ground in Italy's deeply Catholic culture), even going as far as to involve the presence of a medium in both their early recordings. The band was named after the protagonist of a series of erotic horror comics (a cult genre in itself), a female vampire whose name clearly references the legendary Count Dracula.

Bartoccetti and his wife, Doris Norton (featured on Jacula's debut as Fiamma Dello Spirito, and a pioneer of electronic music in her own right), released a number of albums between 1974 and 1980 - all of them reissued by Genoa-based label Black Widow Records, specialized in rock with a dark/occult/Gothic subtext - and then making a comeback at the beginning of the new century with the DVD Magic Ritual (2005) and the albums Switch On Dark (2006) and Per Viam (2009). In spite of rumours about a new Jacula album, however, fans of Bartoccetti's highly individual brand of progressive rock waited in vain for the project to resurface after the decades-long hiatus that followed their second album, Tardo Pede In Magiam Versus (1972). Now, after four decades, Jacula is finally back... Was Pre Viam (a title that, like Antonius Rex's 2009 album Per Viam, is an anagram of "vampire") worth the wait? For fans of the band's unique sound and imagery, the answer is a resounding yes. Even though, as can be expected, the sound quality and the artwork are state-of-the-art 21st century, and some modern influences have crept into the disturbing solemnity of the music, all the elements that have made Jacula an icon of dark/Gothic prog are still present in spades.

To be honest, there is not a lot of subtlety in Jacula's music. Even a cursory look at the CD cover will prepare the would-be listener to what is inside, and those who are familiar with Bartoccetti's work will be happy to find that his approach has remained largely unchanged. Eerie sound effects, stately, almost liturgical church organ passages and recorded voices ranging from the subtly disquieting to the positively scary are prominently featured in most of the seven tracks, while the guitar makes occasional, though substantial appearances. However, the keyboards are the real stars of the show - most of them manned by Bartoccetti's son
REXANTHONY , who creates some very intriguing textures with the use of both analog and digital equipment. The line-up is completed by drummer Florian Gormann, who provides a solid, regular backbeat (sometimes even too much so, sounding a bit like programmed drums), and two female vocalists, Blacklady and Katia Stazio.

Though Pre Viam might well be considered an acquired taste, and the heavy-handed occult framework may put off those with religious sensibilities, first-time listeners may be surprised by the sophisticated, melodic nature of most of the music. The album narrates the rather outrageous story of Jacula's return on earth as a character called Blacklady, ending with a full-fledged episode of demonic possession (according to Bartoccetti, based on a true story). However, in terms of subject matter the album has much more in common with the decadent, refined atmospheres of the Late Romantic era (drawing comparisons with the work of authors such as Edgar Allan Poe and Charles Baudelaire) that with the bleak nihilism of black metal; while the music may evoke those soundtracks of cult horror movies produced by the likes of Claudio Simonetti (with Goblin and as a solo artist) and Keith Emerson. Surprisingly, as Bartoccetti explains in the album's promotional material, the ultimate message of his music is much more positive than the Gothic trappings of cloaked and hooded figures, pentagrams, grimoires and skeletons would suggest, embracing the cause of environmental awareness as well as that of spiritual growth. As difficult as it may be to take him seriously, there is something genuine in his enthusiasm for his chosen path that prevents him from coming across as a cartoonish figure.

Very much in character, the album opens with the sound of falling rain, ominous creakings and other disquieting noises, including wailing human voices that immediately suggest a séance. However, Jacula Is Back soon turns unexpectedly melodic, with lovely guitar parts enhanced by piano and the omnipresent church organ. Choral effects, coupled with heavy riffing and regular drumming, spice up the second half of the track, which closes with the same melancholy acoustic guitar arpeggios that introduce the title-track - a patchy, but oddly compelling, heavily keyboard-driven piece with echoes of Pink Floyd and Goblin, interspersed by a female voice repeating "Oh sir, it can't be". The following Blacklady Kiss, partly based on the reinterpretation of One I Love, a song written by American folk singer Jean Ritchie, is the most mainstream item on the album, featuring plenty of melody and a clear, Gilmourian guitar solo - in a very romantic (in the literary sense of the term) juxtaposition of love and death. Deviens Folle ("I am going mad", a line repeated insistently all through the song) continues in much the same direction, combining the autumnal, almost classical beauty of acoustic guitar, piano and mellotron with ominously atmospheric synth washes. In Rain's setting of a sinister, corrupt monastery is emphasized by church organ and Gregorian chants; while Godwitch delves deep into vintage Black Sabbath territory, its intro practically lifted from the Birmingham band's legendary theme song. A deceptively mellow acoustic guitar and piano section shifts into a tense, menacing incantation bolstered by Hammond organ and synth - preparing the listener for the "cold shower" that is Possaction, a sonic rendition of The Exorcist introduced by solemn, martial drumming, with wailing voices that gradually turn into hair-raising screams.

A compact, well-balanced effort clocking in at 45 minutes, Pre Viam is obviously not for everyone. While lovers of offbeat, esoteric-tinged rock are quite likely to be intrigued, people of an orthodox religious persuasion may be turned off by the very cover, and Possaction may well send impressionable listeners running for the exits. On the other hand, the keyboard and guitar work are quite deserving of attention, though the real quality of the music may be somewhat obscured by the visual and contextual aspects. In any case, the album offers a different take on progressive rock than the slew of run-of-the-mill, derivative releases that are flooding the already oversaturated prog "market". Highly recommended to fans of horror movie scores, as well as a soundtrack for Halloween parties - though probably it would be a good idea to avoid listening to Possaction when home alone in the dark.


(novembre 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - Review

Antonio Bartoccetti (Antonius Rex leader) è certamente un artista fuori dagli schemi e totalmente avulso dalle esigenze e regole del mercato. Questo suo progetto Jacula, nacque e si esaurì nel breve volgere di un triennio, tra il 1969 ed il 1972. Una coppia di lavori in anticipo sui tempi, due splendidi esempi di esoterismo rock quando l'attitudine prog-romantica dominava completamente l'intera scena musicale. Ora, dopo la bellezza di quattro decenni, esce il terzo capitolo; nuovamente un'opera singolare, visionaria, ricca di stimoli e lontanissima dalla prevedibilità di molti prodotti contemporanei.
Si tratta di un concept-album che narra la storia dell'entità femminile Blacklady, nella quale l'autore stesso si riconosce, e della sua disperata e angosciante ricerca di equilibrio interiore, dello struggente desiderio di amare e di essere amata, delle pulsioni suicide, fino all'abbandono e forse annullamento dentro arcani rituali demoniaci. Ovviamente, c'è molto più di questo. Oltre la dimensione essoterica (cioè rivolta a tutti, anche ai profani) si aprono nuovi livelli di comprensione e di lettura del significato dei singoli episodi, insegnamenti e comunicazioni esoteriche (per iniziati, vedi i fans dell'autore).
La struttura dei brani si compone di importanti momenti musicali e di spazi quasi teatrali, recitativi, che evocano immagini dello sviluppo della trama. Non per niente, nelle note di copertina, Bartoccetti si definisce anche sceneggiatore di questo complesso album.
Preponderante l'uso di tastiere gotiche, aristocratiche, sommamente austere ed oscure, per una base dark-progressiva dalla quale erutta lo splendido solismo della "lead guitar", puramente e magicamente hard rock. Insieme, troviamo arpeggi acustici cristallini, la voce della Blacklady, le ritmiche precise che talvolta ricordano il lontano "kraut-rock", ed ancora l'immaginifica atmosfera catacombale, criptica, sinistra ed onirica allo stesso tempo.
Come si sarà intuito, non il classico disco per un ascolto veloce e via.
Anzi, temo che larga parte del pubblico genericamente rock, possa trovarlo troppo difficile ed indigesto. Valga per tutti l'esempio della conclusiva "Possaction". L'episodio è un concept nel concept, pezzo ispirato al vero caso di una giovane ragazza posseduta, che il musicista pare abbia vissuto in prima persona. Negli oltre cinque minuti, si susseguono stralci di un esorcismo e le urla agghiaccianti della protagonista, con uno scarno ed ossessivo accompagnamento sonoro. Nient'altro. A parte la tensione drammatica, irreale, rabbrividente, che si viene a creare nei soggetti più predisposti e sensibili. Per alcuni un'esperienza interiore, per altri uno spreco di tempo.
Ed è questo, a mio avviso, il pregio ed insieme il limite di "Pre viam" (anagramma di vampire), dove la musica è soltanto una delle componenti che lo costituiscono.
Originalità con pennellate di genialità o semplice bizzarria? Spessore dei temi o contorta cerebralità? La risposta non può che essere soggettiva. Io propendo per la prima soluzione, perché ritengo Bartoccetti onesto nella sua indole alternativa e nella personalità autonoma ed indipendente. Anche se talvolta certi effetti cinematografici paiono soluzioni un po' forzate.
In definitiva, sette magnifiche ed uniche illustrazioni musicali (più una traccia bonus video, ed un ulteriore pezzo nella versione vinile) sospese tra prog-rock mistico e orrorifico e riflessioni esistenziali biblico-teologiche.


(Roumania, November 2011)
2011 - Review

....JACULA is one of the most interesting all time Progressive Rock bands. The esoteric expression is unique and the Dark compound makes out of the new material the proof that music has no age and these Italians can be considered real legends, together with PINK FLOYD or GENESIS (keeping the proportions)....


(November 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 'CD of the Week' , review

Eind jaren 70 ...
... begin jaren 80 verbleef ik met enige regelmaat met een groep vrienden in Spanje. Op een van die reizen logeerden wij in centraal Spanje in een klooster dat mij deed denken aan het klooster in Umberto Eco's 'Naam van de Roos': gelegen op een berg, mooie binnentuin, donkere gangen met brandende kaarsen, een kamer die je gezien de huiveringwekkende sfeer snel op slot deed en op de achtergrond op gezette tijden ijl gezang van de monniken. Het is die sfeer die Jacula's 'Pre Viam' ook oproept.
Jacula is een project van multi-instrumentalist Antonio Bartocetti dat vier decennia lang stil lag. Bartocetti, ook al de drijvende kracht achter het Italiaanse Antonius Rex waar ProgLog AFTERglow al eerder aandacht aan besteedde. De man ziet er zelf al uit als een vampier die uit is op je bloed en dat geldt zeker ook voor zijn donkere, sombere, spirituele muziek. Toch is dit een relatief ingetogen album met acht tracks (inclusief een videotrack) waarvan er zeven sterk zijn, met een goede afwisseling tussen prachtig, akoestisch gitaarspel, toetsengedomineerde volle, soms symfonische passages en enge geluiden om de mystieke sfeer nog meer te benadrukken.
Minpunt is 'Possaction' dat het verhaal over vampiers en 'blacklady kisses' afsluit. Bijna zes minuten geschreeuw van iemand die gefolterd wordt, is teveel van het goede. Verder een prima album voor hen die van zwaarmoedige 'doomprog' houden.


CATTANEO (October 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review progetto Jacula, una delle molteplici estensioni della visione musicale di Antonio Bartoccetti, non dava segni di vita, dall'allora In Cauda e Tardo Pede in Magiam Versus che anticipava e fu precursore del suono oscuro che ha caratterizzato la successiva sua produzione a nome Antonius Rex. Ma che ritorno è questo del signore del dark prog italiano? Indubbiamente ci sono momenti significativi e di grande fascino che però si alternano ad altri dove si ripetono clichè che erano tali già decenni fa! Ma entriamo nel dettaglio. Ed è Jacula is back il brano che ci riporta per mano nelle tenebre, con i suoi suoni spettrali e un'apertura accentuata in direzione Goblin, con la chitarra di Bartoccetti impegnata tra riff e soli e l'organo suonato dal figlio Rexanthony utilizzato per creare atmosfere lugubri che ben si sposano con il nero contesto Jacula. La title-track è intrisa dalla chitarra arpeggiata del leader, dalle tastiere che donano la solita atmosfera inquietante che ha reso cult la musica di Bartoccetti, e dalla voce sussurata di Katia Stazio. Pre viam è una lunga processione dello Jacula pensiero, con tutti i suoi stereotipi, i suoi pregi e i suoi difetti. Prendere o lasciare. Blacklady kiss è il brano più vicino alla forma canzone del disco, è un dark rock con il piano e il moog impegnati ad accompagnare e a sottolineare la gotica voce di Blacklady e Bartoccetti pronto a spezzare l'inquieto incantesimo con un bel assolo di chitarra. In Deviens folle torna alla voce la Stazio e il pezzo acquisisce una cristallina malinconia, anche per mezzo del pianoforte con il quale vengono create melodie che ci catapultano in un mondo fatto di paure e angosce, in un'atmosfera che ricorda le produzioni dei Dead Can Dance..................


(September 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Il lavoro di Jacula e' uno degli esempi piu' elevati di affascinante suono prog, tinte oscure che affondano le proprie radici in un pionieristico utilizzo del dark sound con due leggendari titoli entrati nella storia del prog internazionale a cui ora,dopo una lunga attesa, fa seguito questo terzo capitolo.. La filosofia che si cela dietro alla musica di Jacula / Antonius Rex per sua stessa definizione vuole portare l'ascoltatore ad una "riflessione teologico - mistico - esoterico - esistenziale". Questo concept album si sviluppa attraverso sette quadri dalla doppia faccia dove Jacula si manifesta nel corpo di una ragazza e nel suo peregrinare tra amore e odio, fuga e possessione, luci ed ombre. Musicalmente, le atmosfere sono un mix tra modernita' e ingredienti classici del repertorio dell'artista, che stavolta estende i suoni anche a corposi momenti di rock roccioso, tagliando affilati riff con la sua Gibson, elemento che ci rimanda direttamente alle visioni pionieristiche del primo album del 1969. L'andamento volutamente perseverante e' un'alternanza di dissonanze e richiami ad un'essenzialita' acustica quasi folk che si rompe in raggelanti muri di grande impatto emotivo. I migliori momenti: l'opener 'Jacula is Back', il pianoforte sospeso e la malinconica tristezza in 'Deviens Folle', la pioggia pungente di 'Godwitch', tinta di inquiete visioni. Ottimo album disponibile anche in LP con un brano aggiunto ('Abandoned'), concepito con cura con l'eccellente collaborazione del figlio Rexanthony.


(September 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Bartoccetti scoperchia anche il sepolcro della creatura Jacula, silente dal 1972, per una storia gotica di possessione come lui solo sa sceneggiare. Il synth-rock progressivo che pervade questa musica, la cui produzione è come sempre lustra e impeccabile, è
innervato dei più disparati ingredienti, dal folk medievale dell'introduzione ai cori polifonici o gregoriani (gustoso quello di "In Rain") e dalle atmosfere cinematografiche alla Goblin alle seduzioni slo-metal (irresistibili nel contrappuntare la melodia antica e misterica di "Blacklady Kiss"). Buona ispirazione e tantissimo mestiere, con i tratti del genio in "Deviens Folle", un tema new-age al piano che degenera in brandelli di pazzia.


(September 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - Antonio Bartoccetti special interview
interview by Klemen Brexnikar
photos (P) & (C) Musik Research


Jacula interview with Antonio Bartoccetti

1 . Antonio, thank you very much for taking your time and effort to do this interview. You were born in Milano. I would like to ask you what were some of the early influences in your life that guide you later to create so dark atmosphere and very unique music in Jacula?

I was not born in Milano but in the Marche Apennines....wolves, wild boars, foxes, owls, magic fogs, witches, gnomes and the old house of magician Parthenzy which I visited every night from 14 to 16 and from 20 to 23 to see the "Invisible Force"

2. When and how was Jacula born? Why the name Jacula?

The Band Jacula was born in 1969 in Milano after meeting Travers, draftman of the Jacula Comics, a really nice person.Travers introduced me in London to make first album recording.

3.  In Cauda Semper Stat Venenum is the name of your first album. I would like to know if you could tell us some of the strongest memories from recording and producing this LP...
Where did you record it?
What can you say about the cover artwork?
How many pressings were made?
Can you tell me what is the concept of the LP?

In 1969 we signed with a little label company who gave the label code AR 299. Gnome Record had a little private studio in the outskirts of London, where we could realise "In Cauda Semper Stat Venenum". The six compositions were written based on some Franz Parthenzy melodies did during effects of trance mediumship. I really love the 6 sketches on the back cover which represent the six songs of the album. This album was pressed in a strictly limited edition, I guess around 200, and gave to religious sects. The concept of In Cauda was born through Spiritual Seances.

4. Tardo Pede in Magiam Versus is your next LP from 1971. The atmosphere on this one is again mind blowing. Would you like to share with us the experience you had from producing this LP?

Tardo Pede in Magiam Versus is a 1972 album. We recorded it in Milano (supported  by Gualtiero Guerrini and by a mystical congregation) because in Angelicum Studio there was a church organ who played with a real "ritual" feeling.
The band was: Doris Norton (synthesizers, keyboards, effects), Charles Tiring (church organ) and me (all other instruments)

5. Did Jacula performed live and where? If you have any interesting stories from concerts, I would love if you could share some of them with us!

The band played only one time in Milano for Tardo Pede promotion. We were in 1973. Ticket was really expensive, only 35-36 paying spectators, no lights except of a big candle. The band later played several times in castles for promotional events. Now Jacula could be on stage (except Tiring who died) ..... the cachet is eur 20.000 circa.

6. This year you have released a brand new album called Pre Viam. How was it to record again music of Jacula and what is in your opinion the main difference between music of Jacula and Antonius Rex?

After 43 years, "Pre Viam"  maintains the thread of mistery, the fog over the lake, the gothic girls suicide, the occult presences (there are 468 micro-demons around the world ready to possess you), the esoteric charm of the two previous albums. In the meantime Doris Norton abandoned Antonius Rex and Jacula, replaced by my son Rexanthony,

for sure a great keyboard player. There was also a new executive producer, Pino Pintabona who had the role to try to avoid big distances between the old sound of Jacula and the new sound... and he reached the goal. "Pre Viam" satisfied me and our fans. Differences from Antonius Rex? For sure Jacula is more mystical, more biblical, more gothic, more melancholy, more trascendence ... Antonius Rex has various influences, is harder, is doom and prog too.

7. Prefered progressive band...

Van Der Graaf Generator... nowadays Dream Theater are the best.

8. Jacula's new projects....

All Jacula album titles finished and will finish with a word beginning with "V"...the next one will read "Mystic Voices"

9. Antonius Rex's next albums...

A Big Project... almost finished called "H.D."... of course does NOT means "High Definition"... is a fusion between Metal, Hard, Doom, Dark, Trascendence.... classic music and impressionist music.  "H.D." will be issued at the beginning of 2012... Immediately after a new project never experienced before called "C.M."

10. Antonius Rex private life.....

Monastery, Recording Studio, composition, contacts with spirits; therapy support for psychiatric patients, drug addicts, girls with suicidal tendencies and cases of demonic possession... trying to understand how much human mind could divert and go crazy...

2011 Line Up
Antonio Bartoccetti (song writer, guitars, bass, vocals)
Rexanthony (song writer, keyboards, synthesizers, piano, vocals, computer software)
Florian Gorman (acoustic drum)
Monika Tasnad (medium)


(August 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Suoni minacciosi, rombi di tuoni e scrosci di pioggia, sospiri, urla disumane… Sì, Jacula è tornata! Antonio Bartoccetti ridona vita e forma alla sua storica creatura per un album che non avrà difficoltà a stuzzicare gli appetiti degli amanti del sound oscuro e gotico. Sette i brani presenti in questo lavoro, stracolmo di atmosfere dark, malsane e stranianti. "Jacula is back" apre le danze mostrando subito queste caratteristiche, alle quali si aggiungono le fughe chitarristiche di Bartoccetti e i tocchi liturgici dell'organo, suonato dal figlio Rexanthony. La title-track è il pezzo che maggiormente rievoca il passato di Jacula, evidenziando un prog a tinte fosche, aperto dai tocchi eleganti della sei corde acustica e da ritmi maestosi, ma pronto, in oltre nove minuti, a cambiare passo e tempi in continuazione, con inserimenti di voci femminili che declamano costantemente le parole "Oh, sir… it can't be" e mantenendo quest'aura sinistra di fondo fino alla fine. Il dark sinfonico di "Blacklady kiss" precede poi uno dei punti forti dell'album, "Deviens folle", meraviglioso brano classicheggiante, delicatissimo e malinconico con la guida del piano e della chitarra acustica. Altro picco è "In rain", inizialmente aperta da sonorità ambient e seguita da un canto gregoriano che si evolve infine in un bel rock sinfonico nel quale si può intravedere qualche traccia dei Goblin. Si ritorna ad un incrocio di musica classica e gothic-rock con "Godwitch" che riesce a rievocare scenari sepolcrali e lugubri. A questo punto sarebbe opportuno che i più facilmente impressionabili spingano il tasto stop del lettore, perché l'ultima traccia è quella "Possaction" di cui si parlava già prima dell'uscita dell'album, costruita intorno alla registrazione di un esorcismo, risalente al 2010, con le urla strazianti di una ragazza posseduta (Sandra B., poi morta suicida) ben in evidenza. Le ritmiche marziali e l'organo sacrale sono il perfetto accompagnamento che permette all'horror rock di Bartoccetti di raggiungere il suo culmine. E' proprio questo "documento" il fulcro del ritorno di Jacula: attorno ad esso è stato creato l'intero lavoro, che potrebbe essere visto anche come un concept in cui emergono il fascino, il mistero e la paura dell'occulto. A completare l'opera (presentata tra l'altro in un curatissimo artwork), infine, c'è un'un video con un brano intitolato "18 veritates", in cui, sulle note di "Godwitch", Bartoccetti ci fa conoscere le sue "verità". Un grande album nel suo genere, che segna un piacevolissimo ritorno, con pochissimo spazio alla nostalgia. Jacula si ripresenta infatti in nuove vesti, più moderne (la pulizia del suono, l'accurata produzione, gli "effetti speciali" rendono pienamente giustizia al tipo di proposta), ma senza perdere minimamente quella potenza oscura che da sempre la contraddistingue.


(August 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - Antonio Bartoccetti special interview

JACULA... Che Dio Abbia Pietà di Noi...

"Pre Viam" è l'intimismo soft applicato allo shock dello spiritismo e della sacralità. Uno shock invisibile soltanto alla superficialità e scetticismo dell'uomo. Uno shock pregno di correnti esoteriche, dalla bellezza redentrice. Uno shock degno di Jacula. Impareggiabile, lungimirante e longeva esperienza musical-extrasensoriale nostrana...

Antonio Bartoccetti, sublime materia grigia. Bartoccetti è l'uomo che ha anticipato l'osannato dark sound del "Sabba Nero", l'uomo che ha introdotto spezie e sospiri variegati in una corrente musicale già di per sè ampia e purificatrice. Il profeta scisso tra il misticismo progressivo a nome Jacula e le enfasi plumbee degli Antonius Rex, fasi sonore che abbondano di conoscenza e trasferiscono nell'ascoltatore la voglia di avventurarsi nell'oceano della stessa... "E sulle montagne verrà eretto un monumento con questa scritta: Questo è il risultato di lunghi, assurdi e inutili secoli di storia, scritta dall'essere più debole dell'universo, il cui nome è uomo . Dalla valle dei Quattro Santi si snoderà una sola strada. E su questa strada l'uomo verrà provato e pesato. E la coppa verrà bevuta fino all'ultima goccia di veleno, perchè la vita non sarà più come il vino migliore. Nessuno cercherà più insegnamenti nella civiltà delle larve, nè nella civiltà dei signori della guerra; nè nella civiltà dei sovrani della menzogna. Spremendo questa civiltà non cadranno che gocce di sangue infetto e lacrime nere. L'ultimo Pietro sta per arrivare". Così recitano le angosciose frasi finali della "Antonius Rex Prophecy", regalo per i lettori di Metal Hammer.

1) Hai riesumato il nome Jacula 40 anni dopo quel rito esorcistico chiamato 'Tardo Pede In Magiam Versus'. Azione a dir poco inaspettata. Due anni fa, però, il mercato salutò una grande opera a nome Antonius Rex, intitolata 'Per Viam', che di questo 'Pre Viam' fa il cambio di due lettere…

Nel 2009 Black Widow label ha pubblicato l'ultimo lavoro a nome Antonius Rex intitolato Per Viam, un album complesso e stratificato nelle forme e nei contenuti che è nato concettualmente attraverso un processo creativo molto singolare, ossia lo sviluppo tematico progressivo di alcune microsceneggiature atte a creare delle particolari sensazioni e degli stati d'animo differenti a seconda dell'impatto che suscitano in ogni essere umano. Queste microsceneggiature hanno rappresentato la base di partenza dalla quale sono sgorgate in seguito tutte le composizioni musicali racchiuse all'interno di Per Viam: dalla forma primitiva ed essenziale si sono pian piano costruiti tutti gli arrangiamenti e le parti solistiche (opera soprattutto di Doris Norton) e si è messa a punto la veste definitiva di ogni singolo brano, caratterizzato come sempre accade nello stile peculiare degli Antonius Rex da quell'insieme di atmosfere plumbee e misteriose che lasciano con una voglia di conoscenza in piu'.
Dopo aver dato l'OK a Black Widow per i reissues di due albums che avevamo inciso nella seconda metà degli anni '70, Zora e Ralefun (che globalmente non mi hanno mai soddisfatto, ma che oggi contengono due inediti in linea esoterica), da una seduta con Monika Tasnad e' emerso che era giunto il momento del terzo capitolo di Jacula che secondo la profezia doveva naturalmente finire a livello di titolo, con una parola che contenesse la lettera V. Pre Viam, anagramma di Vampire (per significare la costanza del dualismo bene-male), ha anche un ulteriore significato: suggerisce una direzione, prima della Via Verso la Trascendenza, un sentiero nel quale incamminarsi, un tortuoso anfratto ricco di molteplici segreti ...... onde saper valutare la profondita' del lago restandosene a riva. Pre Viam vuole generare un senso di evoluzione spirituale, vuole suscitare vibrazioni interiori che inneschino la forza di volontà superiore atta alla fuga dal quotidiano. Abbandonare quindi il Terreno per impossessarsi dell'Ultraterreno, ascendere ad una dimensione praeternaturale ......

2) 'Jacula' è un moniker indissolubilmente italiano. Anche per via dell'omonima serie a fumetti che dal 1969 al 1982 instillò grappoli di erotismo nella fantasia di molti giovanissimi dell'epoca. In quella serie, la protagonista era un bellissima vampira, seduttrice e predatrice. 'Pre Viam' è l'anagramma di 'Vampire'. Viste le atmosfere seducenti e misteriche del fumetto, proprie anche della musica, fatico a credere che sia una mera coincidenza…

Esistono delle connessioni tra le atmosfere misteriche e pseudoerotiche del fumetto e il nostro stile musicale fino al 1972. Incontrai per la prima volta l'autore dell'artwork di In Cauda Semper Stat Venenum e Tardo Pede in Magiam Versus (1972), il mitico Travers, a Londra nel 1969, epoca nella quale mi trasferii nella capitale inglese per dar vita al primo embrionale album "In Cauda" disegnato e prodotto da Travers stesso. Fu lui inizialmente a non voler commercializzare l'opera, perchè ritenuta troppo claustrofobicamente mistica nei contenuti e troppo anomala nei suoni per crearsi un mercato, preferendo farla circolare solo in ambiti ristretti, ossia sette dark e confraternite tendenti all'eresia, che ritenne le più adeguate a percepire il messaggio subliminale esoterico. Un anno dopo, nel 1970, tornai a Milano volgendo verso una vita ritirata, quasi monastica, componendo incessantemente e studiando testi di filosofia; ben presto mi stancai della metropoli milanese e sentii l'esigenza della campagna, ricontattai Travers per chiedergli di mettere dei colori alla prima copertina. Lui accetto' volentieri di eseguire questo remake che cedette anche all'editore di Jacula. Oggi il fumetto e' morto e sepolto mentre la nostra band continua il suo cammino e lo fara' fino alla diffusione dell'ottavo album: Il quarto volume (gia' ultimato) si chiamera' "Mystic Voices" mentre il quinto, "L.N.A.V.", e' in fase di incisione ..... come vedi ogni album ha un titolo che termina, profeticamente, con una parola iniziante con la V.

3) 'Pre Viam', con licenza parlando, è l'intimismo soft applicato allo shock dello spiritismo e della sacralità. E' uno shock invisibile, perché la superficialità dell'uomo odierno non gli consentirà di custodire la bellezza delle correnti esoteriche e della relativa redenzione lì incluse. Ma è anche uno shock intollerabile. Mi riferisco alla chiusura di 'Possaction': la voce della posseduta proviene ad un documento autenticamente vero. Brividi, ripugnanza della razionalità, senso di abbandono…

Voglio chiarire un aspetto che ritengo molto importante per mettere a fuoco Pre Viam: sarebbe stato illogico oltrechè comico, riprendere timbri e sonorità del passato (tipo organo liturgico di Tardo Pede) e riproporli oggi identici o astutamente similari solo per cercare di assecondare il gusto di alcuni nostalgici.
Credo fortemente nella sperimentazione e nell'innovazione, ed è per questo motivo che ho voluto proporre un album con elementi sempre distintivi ma
next, lasciando comunque incontaminato l'alone di magia misterica e di diabolico appeal, proprii di Jacula. Il terzo capitolo Pre Viam vuole obbligatoriamente sfuggire a ogni convenzione, a ogni limitazione onde non farsi intrappolare in qualsiasi tipo di catalogazione; Pre Viam è la perseverante gestazione creativa che genera un connubio inscindibile tra il classico e forti componenti futuriste ..... è la trascendenza descritta in suono, un suono che desta sensazioni diverse e disparate, amore e morte, esasperazione epidermica e suicidio, elevazione spirituale ed evocativo decadentismo ... Oltre questi elementi c'è la traccia finale, l'evocativa POSSACTION, che tu descrivi con aggettivi consoni nella domanda che mi poni: in efffetti si tratta di una sperimentazione, assolutamente e unicamente autentica, di fare ascoltare lo strazio di una vera posseduta, suicidatasi recentemente, nella fase di un rituale esorcistico. Un'esperienza alla quale credo non si possa rimanere insensibili (se non altro perche' fa percepire che esiste il male e con esso il bene ..... abbiamo sempre dichiarato che esistono 648 microdemoni, 657 angeli tutti dominati o da Dio o dal diavolo): urla, senso di perdizione della razionalità. Un suono intimamente sabbatico si adombra come una cappa di fuliggine nera durante l'intero rituale ..... per la prima volta viene narrato in musica un vero e proprio esorcismo. Alcuni critici e moltissimi dei nostri fans ci hanno comunicato che nessuno si era ancora mai spinto a questi livelli nella storia del rock.

4) Non passa inosservata la scritta "Che Dio abbia pietà di noi", segnalata nella prima pagina del booklet. Dubito che vi siano implicazioni simboliche. Per la scienza il genere umano non vedrà l'alba del 22esimo secolo; tante teorie di implosione terrestre; faremo la fine dei dinosauri.
E' forse questa la nemesi che ci meritiamo?
E' forse questo il trait d'union con la cimiteriale copertina?

Abbiamo già sintetizzato il nostro pensiero filosofico riguardo la catastrofica fine del mondo nell'ultimo album uscito a nome Antonius Rex Per Viam mediante la Antonius Rex Prophecy, in cui per l'appunto si spiega in
modo esauriente come il nostro pianeta sia destinato secondo le previsioni di un'antica civiltà come quella dei Maya a scomparire, a implodere nel nulla ma non il 21 dicembre del 2012 bensi' il 21 dicembre del 2018. Personalmente, grazie anche all'apporto della mia privatissima medium Monika Tasnad, credo che la fine del mondo avverrà iniziando con valanghe di suicidi nel 2012 e con l'invasione delle acque nel 2018. Lei quando cade in trance mi parla spesso della statua della liberta' di New York invasa dalla acque fino al collo. Penso quindi che l'oblio che ci sommergerà non sia così imminente come invece pronosticano i Maya ...... l'uomo ha voluto sovrapporsi alla natura (l'avevamo gia' detto nel 1972 con U.F.D.E.M. alias uomo fallito dell'era moderna, ha continuamente cercato di sopraffarla. Questa ne è la nemesi.

5) Limitare Jacula unicamente alla tua figura è essenzialmente corretto. Eppure sarebbe ancora più corretto che tu riferissi alla stampa nozioni relative a Rexanthony, Katia Stazio, l'enigmatica Blacklady e alle persone coinvolte nell'album, al fine di cementare anche verbalmente l'alchimia instauratasi tra voi…

Improvvisamente Doris Norton ha abbondonato sia Jacula che Antonius Rex e quindi pensavamo di dover smettere di fare dischi: poi mi sono reso conto di avere in casa un grande tastierista e quindi ho proposto a mio figlio Anthony di entrare nella band a tutti gli effetti iniziando in toto con l'album Pre Viam: ha fatto della parti di tastiere davvero grandi anche se e' difficilissimo dare un giudizio sul proprio figlio. Ha portato un alone di freschezza, nuove armonie, nuove timbriche e nuove soluzioni .... le sue improvvisazioni con Minimoog ed Hammond mi soddisfano pienamente. Nel mondo ha tantissimi fans in area naturalmente giovanile-techno che lo stanno seguendo anche in questa nuova avventura progressive mystic rock. Quasi tutti i week end è in tour e recentemente sta proponendo in versione trend anche diversi brani di Pre Viam fra cui 'Abandoned', 'In Rain' e 'Deviens Folle' .
Katia Stazio e' un'attrice di teatro, megalomane ed iperegocentrica con una voce che comunque mi ha colpito e che penso di utilizzare nel prossimo albums "H.D.". 'Blacklady e' lo psuedonimo di una nota cantante norvegese la quale ha interpretato (dopo lo scambio di tre o quattro emails) il brano 'Blacklady Kiss'.

6) Non molto tempo fa, se non ricordo male, hai sostenuto che risiederai (ma non vivrai) in un monastero, allestendo un piccolo studio di registrazione.
Quali vantaggi pensi di poter conseguire da quella condizione di parziale isolamento?
Credi che tale condizione agevolerà l'allontanamento dalla stagnazione creativa che tu hai sempre sostenuto?

Nel maggio 2011, dopo un'esperienza allucinante che ho intitolato 7 giorni con la Regina, dove per regina intendo la Regina Nera, ho dato vita al nuovo progetto sinteticamente siglato come C.M. Sara' una cosa unica realizzata da me con un team di "non musicisti" ma personaggi unici al mondo. Ho portato lo studio in un monastero e con questo nuovo team cominceremo a lavorare gia' dal settembre prossimo. Fra questi personaggi portero' anche alcuni miei pazienti che seguo da anni a livello psicologico, filosofico e psichiatrico, perche' da sempre sono attratto dalla conoscenza tentando di comprendere quali siano i parametri oltre le regole degli umani. Questa condizione di isolamento simbioticamente abbinata a digiuno e insonnia indotta portera' sicuramente a saper vedere che cosa c'e' a sinistra dlla fantasia.

7) Essere artisti, quindi comunicare con le idee più che con i mezzi, è ancora vantaggioso e gratificante in quest'epoca di "tutto elevato al nulla"?

Come ho gia' detto viviamo in un'epoca dove IL TUTTO E' FALSO .... in un'epoca di vuoto assoluto come questa che stiamo vivendo, ritengo di fondamentale importanza immergersi in un certo tipo di mondi esoterici, mistici, occulti, teologici al fine di elevare la propria sensitivita'.  Per portare questo concetto su un piano più pratico, direi che è assolutamente imprescindibile l'acquisizione di una
certa intelletualità e di un solido impegno mistico e teologico che possa convertire l'uomo normale (il più delle volte un fallito, che pensa solamente all'evasione dalla realtà tramite oro ed erotismo) su un livello superiore, al punto che l'anima sia libera di addentrarsi in dimensioni non piu' enigmatiche aprendo dei portali che conducano alla verita' della coscienza.

8) I tuoi progetti sono quattro (Antonius Rex, Jacula, Invisible Force e il nuovissimo C.M.), altrettanti sono gli elementi principali che costituiscono il creato e i punti cardinali che identificano diversità marcate ma complementari...
Il tuo futuro professionale cosa prevede?

I progetti sono più numerosi: oltre a Jacula, Antonius Rex e Invisible Force, nel 1969 formai i Dietro Noi Deserto che ebbe una esistenza effimera incidendo soltanto il singolo, Dentro me, edito dalla Decca casa discografica major a cui giunsi tramite la conoscenza di Alvin Lee. 'Dentro me' e' stato recentemente coverizzato dai Wicked Minds nel progetto-tributo al prog italiano degli anni '70 "Visioni, deliri e illusioni" ....... la band ha chiesto a me di fare l'assolo di chitarra ..... cosa che ho fatto e che non faro' mai piu' per nessuno perche' io ho sempre fatto solamente cose mie.Il prossimo progetto imminente e' il nuovo Antonius Rex assolutamente hard, assolutamente martellante, assolutamente death ma saggiamente fuso con momenti di altissimo relax e celestiali respiri. Il titolo di quest'opera , prevista per i primissimi del 2012, e' "H.D." che qualche addetto demente ha gia' codificato come High Definition. Successivamente "Mystic Voices" alias il quarto capitolo di Jacula. Lunga vita a te e ai lettori ribelli del magazine Metal Hammer.


( august 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Genere gothic-dark
Anno 2011
Antonio Bertoncetti - Vocal, Guitar, Bass
Rexanthony - Piano, Synth
Florian Gorman - Drum
Katia Stazio - Vocal
Blacklady - Vocal
1. Jacula Is Back
2. Pre Viam
3. Blacklady Kiss
4. Deviens Folle
5. In Rain
6. Godwitch
7. Possaction
8. video (PC-Mac )
Voto 8,5 -

Torna da un abisso profondo e da sussurri di litanie lontane, il project Jacula, embrionale forma di una delle più mistiche ed esoteriche realtà del panorama musicale, ormai silente dal lontanissimo 1972. Sono le ambientazioni a regnare sovrane, sentiero in cui veniamo presi per mano, incamminandoci lungo vie in cui è facile perdersi. Serenità, malinconia ed angoscia di intrecciano, teatralità che prende forme diverse rispetto ad "Antonius Rex" e che respira più di strumentalità. Non manca il comparto vocale, ma è uno sparuto racconto che si perde nel vento, e che musicalmente mano mano increspa le rughe del proprio viso, corrucciandosi. Non sono i virtuosismi o la voglia di stupire, l'obiettivo di "Pre Viam", bensì l'ancestralità e la delicatezza, ascetismo che trasuda così in ogni nota. Coralità orienta lo sguardo ad una sacralità fatta di esoterismo e rituali, la cui magia si sfuma di mille tonalità di bianco e nero. L'uso della chitarra e delle tastiere sono veramente uniche, Dark Rock che si innalza come nebbia e ci immerge inebriandoci. L'ultima traccia è un documento vero di una posseduta - Sandra B. - la quale con le sue urla si contrappone al coro e all'organo presenti nel brano. Il paranormale diventa un tutt'uno tra realtà e musica, fenomeni studiati e da alcuni ritenuti sempre spiegabili scientificamente. Non entriamo in merito ad eventuali diatribe, come sempre ci interessa la musica e ciò che ci trasmette. Bartoccetti & Antonius Rex riesce a rapire i nostri sensi, ed è questo il punto focale. Siete pronti ad entrare allora in un cerimoniale fatto di emotività e misticismo? Un mondo a voi sconosciuto vi sfiorerà, e non potrete concepirne a pieno l'essenza, solo perché non ne farete ancora pienamente parte. Complimenti ad Antonio Bartoccetti, che torna protagonista, con un moniker ed un'impronta di cui sentivamo la mancanza.


(August 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Die akustische Gitarre und das elektrische Cembalo spielen zuerst sehr traditionell, will sagen folkig anmutende Läufe, dann tritt eine Keyboardorgel hinzu, ein Synthesizer plingt über die plötzlich sehr monoton werdende Melodie und urplötzlich beginnt die Gruppe JACULA aus Italien mit einer schönen Rocknummer. Mastermind Antonio Bartoccetti lässt seine Gibson SG herrlich knarzen und in den Soli fantastisch heulen. Das ist Jam Rock mit Weltraumfeeling, als würden TANGERINE DREAM sich mal mit Hendrix und CREAM auseinandersetzen. Verrückt? In der Tat. Diese CD / LP auf Black Widow Records ist das dritte Werk des italienischen Projektes JACULA. Die erste erschien 1969 in Kleinstauflage und wurde nur innerhalb der okkulten Zirkel verteilt, in denen sich Antonio und seine Frau Doris Norton bewegten, die einen großen Teil des Debüts "In cauda semper stat venenum" mit ein paar spirituellen Brüdern zusammen einspielten. Es war damals eine Mischung aus düstersten Orgelsounds, atonalem Doomriffing von Antonio und seiner tiefen, herben Stimme, mit der er italienische Texte, wohl oftmals Beschwörungen rezitierte. Platte Nummer 2 erschien 1972, war das eigentliche Debüt und eher eine Okkultfolknummer, sehr schön gemacht. Danach wurde die Gruppe zu ANTONIUS REX und machte progressive okkulte Musik, ähnlich dem JACULA Debüt, nur ausladender, einfach musikalischer gestaltet. 2011 sind dann nach 39 Jahren JACULA mal wieder an der Reihe und haben sich natürlich gewandelt. Natürlich klingen sie auch irgendwie nach ANTONIUS REX, dieser archaische, erdige Ausdruck der Urband ist gewichen, einer magischen Erhabenheit, wie ich mal sagen möchte. Nur dieser zuweilen rituelle Ausdruck ist geblieben. Aus dunklen Synthesizerläufen heraus entsteht da ein Part mit verhallten und effektbeladenen rhythmischen Atemgeräuschen, schmachtender Frauenstimme, einem dumpfen Donnergrollen unter den Atemgeräuschen. Dann wieder Piano und morbide Keyboardmelodien, Synthesizer. Der Synthie ist warm, die Keyboards eher bombastisch und kalt, die Melodie unheimlich aber verlockend. Sie zerrt Dich förmlich in die Dunkelheit und zu den Dingen, die da auf Dich lauern. Es ist sehr bildhafte Musik, welche uns ANTONIUS REX da bescheren, die aus verspieltem, aber zurückhaltendem Progrock symphonischer Machart, vor bluesigem Jamrock, vor kosmischer Elektromusik, pompösem Gothicsound und rituellen Momenten besteht, mit Melodien und Stimmungen spielt und den Hörer durchgehend fesselt. Diese Stücke sind ein wahrhaftiges Kopfkino, selbst die rockigeren Momente, die eher selten, aber sehr schön sind. Mich erinnert die Musik oft an die Sountracks zu den diabolischen 70er Horrorklassikern von George Romero, Dario Argento und Lucio Fulci, bestem Italohorror, welcher damals noch von der Gruppe GOBLIN des Organisten Claudio Simonetti mit Musik untermalt wurde. Hart an GOBLIN sind JACULA auf "Pre viam" dran. Diese Musik ist kaum in Worte zu fassen. Sie ist moderner, zeitgemässer, weil JACULA auch auf viele digitale Instrumente zurückgreifen, aber die Art der Ausführung macht es. Klassischer kann man Italoprog / Horrorsoundtrack Mucke nicht inszenieren. Natürlich ist das hier keine eingängige Popmusik, die man so nebenher laufen lässt. Bis sie ihre komplette Pracht entfaltet haben, bedarf es einiger Durchläufe und eines genauen und hingebungsvollen Zuhörens. Dann aber versinkt man in der Tiefe dieser großen Kompositionen. Wer auf die TANGERINE DREAM der späteren 70er und auf GOBLIN respektive Italoprog allgemein steht, der sollte sich unbedingt mit diesem Werk beschäftigen und hiernach auch gleich die älteren Alben von JACULA und ANTONIUS REX verhaften. Ich hab daheim längst nicht alles, aber was ich kenne, das fasziniert.


JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Jacula is back! Again, they emerged from the deepest abyss of hell, sailing on the wings of a new sound, but still driven by the wind of old inspiration. This new sound is wonderful - soothing sounds floating quiet and shy, gently bumping into melancholic melody, but the tones and melodies gradually become more threatening, even defiant. In those moments, their music indicates me to remember  Milton's Satan, who first looks plaintively at his fall, but then curses sun and welcomes the horrors of hell saying that it is better to reign in hell than serve heaven. Unlike their debut, in which gloomy and anxious sounds run, painting the burial atmosphere, causing in many listeners a sense of fear, the sound of the album is much more eclectic - the atmosphere is the same, but the music itself except unique sound of sinister organ contains scattered elements of Renaissance music (Jacula is back) and gregorian songs (In Rain), metallic riffs, and very tasteful guitar playing (Bartoccetti is truly the master), whose solos in some magical moments literally explode. Some parts of the album are reminiscent of the tasteful and unpretentious prog  of the Swedish group Ragnarok, and in some moments melodies reminiscent of the melancholic and emotional musical expression of Loreena McKennitt (Blacklady Kiss). Especially scary sounding are the demonic voices that appear here and there, and sometimes cross into a cry - it is perhaps unfortunate moans of the tortured soul of Hell fire, and maybe even crying because of labor pains of a woman who gives birth to the Antichrist, who knows? In any case - if you want to experience contact with the other world, a world of darkness, this album will be an excellent guide - like Virgil will take you through hell, to show you the tortured soul, the sad soul, the defiant soul. They will show you the beasts of Hades and sing their song. Forget the silly clowns like Mercyful Fate and Venom.. Because THIS is a real thing!


Jacula ritorna! Di nuovo, sono emersi dall'abisso più profondo dell'inferno, navigando sulle ali di un suono nuovo, ma ancora guidato dal vento di vecchia inspirazione. Questo suono nuovo è meraviglioso - suoni calmanti, quiete galleggiante e timida, battendo dolcemente una melodia malinconica, ma i toni e le melodie gradualmente diventano più minacciose, anche provocatorie. In quei momenti, la loro musica mi fa ricordare il Satana di Milton che prima guarda mestamente la sua caduta ma poi bestemmia solo e dà il benvenuto agli orrori dell'inferno e dice: "meglio regnare in inferno che servire il cielo". Diversamente dall'esordio, dove suoni oscuri e ansiosi corrono, dipingendo l'atmosfera di sepoltura, causando in molti ascoltatori un senso di mistero, il suono dell'album è molto più eclettico - l'atmosfera è la medesima, ma la musica stessa, eccetto il suono unico di organo sinistro, contiene elementi sparsi di musica (Jacula ritorna) di Rinascimento e di canto gregoriano (Nella Pioggia), tormenti metallici, e suoni di chitarra molto raffinati (Bartoccetti veramente è il padrone) i cui assoli in alcuni momenti magici letteralmente esplodono. Alcune parti dell'album sono reminescenza del raffinato prog senza pretese del gruppo svedese Ragnarok, ed in alcuni momenti le melodie ricordano l'espressione musicale melanconica ed emotiva di Loreena McKennitt (Blacklady Kiss). Dal suono spaventoso sono le voci diaboliche che compaiono qui e là, qualche volta attraversate da un grido - forse sono lamenti sfortunati dell'anima torturata dal fuoco dell'Inferno, che piange anche forse a causa delle doglie di una donna che partorisce l'Anticristo, chi sa? In ogni caso - se vuoi sperimentare il contatto con l'altro mondo, il mondo dell'oscurità, questo album sarà una guida eccellente - come Virgilio ti porterà attraverso l'inferno, ti mostrerà l'anima torturata, l'anima triste, l'anima provocatoria. Loro ti mostreranno le bestie di Ade e canteranno la loro canzone. Dimentica i pagliacci sciocchi come il Fato di Mercyful e Veleno.. Perché Questa è una cosa vera!


JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - Antonio Bartoccetti special interview

Esclusiva!!! JACULA: Esoterico trascendentale… Profondo blu…

Ne abbiamo parlato tantissimo, lui è Antonio Bartoccetti e questi sono gli Jacula, l'anima nera, o per meglio dire l'anima esoterica della ricerca metafisico/spirituale del nostro magista. Poco tempo fa abbiamo avuto l'occasione di recensire il sublime "Pre Viam", ultima fatica firmata Jacula, un album che riesce a trasportare l'anima fuori dal corpo fino all'inconscio ultraterreno, molto più di un semplice disco, una specie di porta magica verso l'occulto. Di questo e molto altro ho parlato con sua maestà Bartoccetti, a voi la lettura…

Allora, prima di tutto benvenuto su Brutal Crush! Partiamo con una domanda obbligatoria: il nuovo album chiude una specie di discorso magico iniziato a suo tempo con "In Cauda…" e "Tardo…"?

"Mi piace Brutal Crush… Assomiglia al sangue che ti scende dalla bocca dopo che hai vampirizzato quella che tutti (i coglioni di sempre) ritenevano irraggiungibile (per loro) quindi in questa interview ti risponderò in linea essenziale con il tuo magazine. Il nuovo album "Pre Viam", anagramma di Vampire (ma anche "prima della via verso la trascendenza"), suona in modo tale che le onde positive emanate siano la tua forza interiore, siano la tua evoluzione per passare dalla violenza verso te stesso e quindi verso gli altri, alla tua evoluzione spirituale. I tuoi fantastici lettori devono ascoltare "Pre Viam" (da soli o in due) ogni notte… Per non tagliare il ramo su cui sono seduti. Così ha detto Tasnad… La nera maga che non ha mai sbagliato".

Ci sarà un futuro per Jacula o con "Pre Viam" possiamo dire concluso il senso stesso del progetto?

"Quando voi sarete sottoterra divorati dai vermi, noi, nonostante in nostri cento anni e più, saremo ancora qui a creare nuovi capitoli di Jacula, Antonius Rex ed il neonato C.M., a fondere le emanazioni surreali erotiche con l'ascetismo più estremo delle monache invasate…. così fu detto e così è stato scritto. Il quarto album di Jacula è già pronto dal titolo "Mystic Voices"… Iper-tematico sulle voci femminili sotto coercizione… Voci della tossico dipendente grave, voci della schizzofrenica, voci della abbadessa che dopo i 40 anni capisce di aver sbagliato tutto nella vita, voci della criminale che deve, deve e poi deve, affondare quella lama di pugnale. Dopo questo quarto album stiamo già mettendo a fuoco il fantastico L.N.A.V. dove narro la storia di una novizia che ho fatto possedere a due miei schiavi. L'opera ruota sul concetto (ben espresso nel titolo) che il sesso esasperato dall'erotismo bypassa sempre la ragione".

Tutti sanno quanto tu sia un amante del tuo tempo, lo si può sentire in "Pre Viam", un disco assolutamente attuale nei suoni e negli arrangiamenti. Non hai mai un senso di nostalgia per le ingenuità del passato?

"Effettivamente "In Cauda" (1969) era profetico ma semplicistico… 2 accordi di organo e 1 giro di chitarra fatto ancor prima del così detto grande Tony Iommi. Poi è arrivato "Tardo Pede" osannato dalla critica e divenuto simbolo del progressive e del diabolico. Non ho mai capito nel corso degli anni cosa ci sia di satanico in un brano che condanna il Peccato degli umani e che recita "DIO TI VEDE, I MORTI TI VEDONO". Poi è arrivato "Neque Semper" (1974): il mio album più violento e forse musicalmente con più idee. Facendo il nuovo "Pre Viam" sarebbe stato un gioco da "bambini scemi" campionare alcuni timbri e rifarlo simile a "Tardo Pede" per la gioia degli ultimi nostalgici. Ma le nostre nuove fans gotiche amano "Pre Viam" anche perchè li ci trovano amore e suicidio… La trascendenza in fuga dall'immanenza… Ci trovano la perseveranza da me voluta consistente nella distruttiva cerebralità della trance più ipnotica. "Pre Viam" è anche sperimentazione di musica e psiche per abitare in alta montagna, salvandomi e salvandoci dalla malattia mortale che ho sempre codificato come vergognosa ripetivitià… Sabbia mobile in cui annega il 99% degli artisti".

Parliamo dell'equilibrio che hai trovato con la Black Widow. Come ti spieghi che sia una delle pochissime case discografiche insensibili all'attuale crisi del disco? Magia o strategia?

"Laura, Mass, Pino e Albert sono amanti inconsci dell'occulto e calcolatori intelligenti ad un tempo e per questo la loro è ferrea strategia razionale. Se ascoltiamo la musica mondiale dell'ultimo biennio notiamo che ci sono milioni di dementi (sedicenti artisti) che cantano milioni di canzoni uguali e orrende. Black Widow ha fatto una scelta tematica verticale sul progressive e sui prodotti unici per creatività. "Switch On Dark" o "Per Viam" sono album pluritematici non solo progressive ma fusi con ciò che è la nostra cultura, quindi goth, doom, mystic, parabyblic, neo-classic, impressionistic e recentemente perseverant… La mia più recente invenzione sotto il segno della mega-ipnosi. Con loro ci troviamo bene: sono precisi anche nelle royalties, inoltre non intervengono mai nei contenuti musicali e nelle grafiche. Se un giorno lo facessero, verrebbero subito mandati a fanculo senza facoltà di replica, trattativa o appello".

Chiusa la parentesi 'economica', non nego che artisticamente penso tu ti sia completato con gli Antonius Rex, un progetto che seguo dall'inizio con interesse. Mi puoi anticipare qualcosa del prossimo album?

"Il prossimo album su cui stiamo pesantemente lavorando da mesi è intitolato "H.D.": certi giornalisti down (e sono tanti) lo hanno già tradotto in "high-definition": è effettivamente un concentrato di violenza iper-normale e pieno di soluzioni musicali estreme: però la band (in cui da 1 anno è entrato mio figlio Rexanthony nel ruolo di pianista, sintetista, tastierista e costruttore di suono) è poliedrica e quindi ad esempio all'interno di un brano death-metal troverete 1 dolcissimo arpeggio di liuto o un timbro elettronico da rave. "H.D." ha una copertina in ambiente templare più sei brani iper-shock, più video e dovrebbe essere disponibile i primissimi del Gennaio 2012. Invece il nuovissimo progetto che sto svelando in anteprima a Brutal Crush si chiamerà "C.M." che è in pratica una pseudo multi-band espansa i cui componenti sono e saranno in totale heavy-rotation. La sede la stiamo piazzando in un monastero dove ho portato la parte essenziale del mio studio. L'unico musicista sono io, contorniato da personaggi unici con esperienze uniche. To be continued su Brutal Crush…".

Come si è inserito nella band il nuovo tastierista?

"Doris Norton se ne è andata nel 2009 per tornare a dar vita a progetti solisti… Ho cercato diverse tastieriste fra cui quella dei Crematory ma non c'erano le affinità. Quindi mi sono guardato attorno scoprendo che effettivamente un grande l'avevo in casa. Ora è difficile parlare del proprio figlio specialmente quando questo entra nella tua band. Rexanthony è un musicista e compositore a cui spero di aver trasmesso l'estetica dell'armonia… non ha la velocità di Jordan Rudess ma ha la bellezza dei fraseggi eclettici. Lo scorso 22 Maggio 2010 è riuscito ad ipnotizzare i suoi fans suonando unplugged nel club Pascià di Riccione dove i giovani, durante la sua performance unica all'interno di un club di tendenza, è stata felice di ascoltare e non ballare".

Cambiando argomento, se ti ricordi ne parlammo più di una volta telefonicamente, il prossimo Papa sarà quello nero?

"La mia super veggente Monika Tasnad continua a ripetere che entro 36 mesi avremo l'ultimo Papa black. Io penso che 36 mesi sono tanti. Lascialo dire da un maniaco religioso come me che prima è stato infaltimente iper-cattolico, poi razionalmente cattolico, quindi spontaneamente cristiano ed oggi necessariamente iper-cristiano, con la variante però che Cristo è un profeta che dà esempi agli umani, ma che Dio è fatalmente trascendente".

Se non faccio a te questa domanda non so proprio a chi farla: 21/12/2012?

"Il mondo ha già cominciato a finire… basta guardarsi attorno. In ogni caso entro il 21 Dicembre 2012 ci sarà una valanga e mezzo di suicidi. Il nostro team pensa invece che la vera fine sia progressivamente nel 2018 e quindi concedo a Brutal Crush la prima parte di testo relativo alla "Antonius Rex Prophecy": 'Chiederete nostalgia al tempo voi che tratterrete i respiri per non sprecare l'aria. Guarderete gli strati d'ossa spinti nel baratro dove vibra ancora l'ultimo tasto dell'antico organo rubato alla chiesa crollata. Grida roche da gole arse, bruciate e ancora asservite al padre dei miracoli che non ascolta. Non riuscirete a rileggere il sacro libro dei profeti… Sarete naufraghi agonizzanti in acquitrinii eterni. E così nel tempo già sigillato del secolo XXI sarà comandato al sole di piangere. E le lacrime del sole cadranno sulla terra. E la terra diventerà come una graticola sul fuoco. L'acqua dei mari si trasformerà allora in vapori. E i vapori avvolgeranno la terra. E la terra sarà come una stanza oscura senza finestre…'".

Cosa ne pensi della musica odierna… anche italiana?

"Sono uno che "scrive" le sue musiche e sono un "non-chitarrista" che usa la chitarra solo per i suoi brani. Quello che si sente oggi in giro fa effettivamente pena: ci sono un branco di imbecilli che cantano… Cantano… Ma che cazzo cantano?! Prendiamo tutti nomi a caso: System Of A Down…. Ma che melodie sono quelle? Antichissime e troppo vecchie. In Italia sto guardando Rock TV dove passano Casino Royale…… Non so cosa sia…. Ma che roba è? Ma che cantano? Hanno detto che Subsonica sono elettronici? Ma quelli non sanno nemmeno cosa sia "elettronica" o il percorso di un VCO. Hanno detto che la P.F.M. è la migliore band progressive? Ma io dico che ci vogliono dieci P.F.M. per fare uno solo Dream Theater. Lo stesso Ozzy è indubbiamente un grande sacerdote, ma un sacerdote comunque comico. Scusatemi…. Faccio prima a dire quel poco che mi piace… ma comunque non sarà mai assoluto. Mi piace Peter Hammil: la voce migliore del mondo, mi piace l'improvvisazione che Fripp fa nel suo Schizoid Man, mi piacciono incodizionatamente le improvvisazioni di synth che fa Jordan Rudess dei Dream Theater, mi piaceva la chitarra di McLaughlin e oggi l'energia bestiale di Gus G.. Quindi Chick Corea (Live in Madrid)… esempio di stile assoluto e quasi inimitabile. Ma torniamo in Italia: se mi dai un biglietto per il live di EROS, voglio 10.000 euro per venirci".

Come vive uno come te?

"Una vita molto intensa… Sicuramente facendo una media equivale già oggi a 5 vite del comune mortale. Il modello è il classico impiegato "medioalto" del cazzo con una laurea, un buon stipendio, una figlia piccola più insana che sana, un auto da invidia, troppi amici "finti" e naturalmente una moglie puttana. Io vivo di conoscenza senza mai badare al denaro o ai compromessi del business. La conoscenza primaria opera nella composizione musicale e nella comunicazione… Ma le mie serate-nottate le suddivido con tre pazienti schizzofrenici, una paziente tossico dipendente, una alcolista ed "una" con estreme manie suicide. Questa gente mi aiuta a capire dove può arrivare una mente esasperata, oltrepassando ogni limite posto dalla società e dalle sue regole. Inoltre frequento monache e monasteri, la maga Monika e porto avanti da sempre la battaglia pro-ambiente e contro la pedofilia".

Ok, a te la chiusura, puoi dire quello che vuoi ai lettori di Brutal Crush!

"Il mio Ipse Dixit lo do alle lettrici saggiamente pazze di Brutal Crush. Voglio che pronuncino questa frase almeno una volta nella vita: OH SIR… IT CAN'T BE".
Forse non tutti sanno che: A molti di voi potrà sembrare assurdo ma Rexanthony, figlio di Bartoccetti nonché nuovo tastierista degli Jacula, non è esattamente quello che si definisce uno sconosciuto. Il buon Rex è stato l'inventore della techno vendendo ben oltre le 700.000 copie ed ancora oggi è uno dei personaggi di culto più seguiti da chi ama l'elettronica più estrema. Tanto per capire qui di seguito vi riportiamo un assaggio di una sua serata unplugged, non sarà metal ma fa tanto 'brutale': enjoy!


(July 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Ever since we first heard Jacula several years back, we've been obsessed. Jacula forIn Cauda Semper Stat Venenum and Tardo Pede In Magiam Versus. We are glad to have these, yet even more excited that we have a brand new Jacula LP CD, Pre Viam, their first LP since the 70s! Omed as early as the late 60s and released two obscure LPs in the early 70s.
Absolutely chilling horror/prog mania for fans of Death SS, Rob Zombi, etc. The "Pre Viam" trailer gives a proper sample of what to expect, but needless to say Jacula are pure class and one of the innovators of the style.


Sin da quando abbiamo sentito per la prima volta Jacula, parecchi anni fa (42), noi siamo stati ossessionati. Jacula con "In Cauda Semper Stat Venenum" e "Tardo Pede in Magiam Versus". Siamo lieti di averli, e ancora più eccitati perchè abbiamo oggi un nuovo CD LP Jacula "Pre Viam" (Vampire), i loro primi LP alla fine dagli anni 60 e e poi hanno rilasciato un oscuro LP nel 1972. Assolutamente agghiacciante Horror/prog mania per i fans di Death SS, Rob Zombie, etc. Il trailer di "Pre Viam" dà un esempio adeguato di cosa aspettarsi, ma inutile dire, Jacula sono pura classe e innovatori dello stile.


(July 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Quarantadue anni dopo celebriamo il ritorno di una delle band più importanti e influenti della musica "nera" italiana. Rock, prog, dark, horror, gothic... Non ci interessa. Intanto tutti coloro che hanno recitato in territori oscuri, in un modo o in un altro, si sono ispirati a loro. Jacula! Era il 1969 quando venne pubblicato "In Cauda Sempre Stat Venenum" e la band venne subito considerata l'emblema del progressive-dark-esoterico circondata da un alone di mistero e di venerazione "trasversale"... L'effetto ipnotico di quel disco non lo scorderemo mai ed ora ci sembra quasi ritornare in stati du catalessi ascoltando il nuovo "Pre Viam", che attenzione è l'anagramma di "vampire"... Ma forse è solo una coincidenza. Atmosfere dense, cariche di pathos e di mistero, avvolgono un album che offre la scelta di immergersi in una sorta di esperienza mistica-consapevole oppure di un'ascolto fine a se stesso che ovviamente non consigliamo a chi non ha dimestichezza con certe esperienze emotive e spirituali. Sacralità, sembra essere la "parola" chiave.. Il suono, anche nelle sue esposizioni più hard, è meno pesante rispetto all'Antonius Rex sound, e il recitato/cantato di Bartoccetti è per lo più assente, sostituito dal canto di due voci femminili, Katia Stazio e la misteriosa Blacklady, mentre le note create da Rexanthony (piano, moog, hammond etc...) sono da brivido e si amalgamo alla perfezione alle chitarre. Oltre alle splendide "Jacula Is Back", "Pre Viam" (vera opera d'arte di quasi 10 minuti), "Blacklady Kiss", "Deviens Folle", "In Rain" si chiude con due brani che mettono il sigillo al ritorno tanto atteso e conferiscono al disco il punto di massima "eccezionalità" ed "intensità" spirituale ed emotiva. "Godwitch" funge da intro al rito esorcistico che apre invece "Possaction". Un coro religioso e contrapposto alle urla disperate di Sandra B. (come se il primo volesse porsi in lotta contro le forze malvagie e redimerle) e il contrasto crea un effetto devastante. La voce della posseduta è un documento vero!!! Il maestro Antonio Bartoccetti ha finalmente riportato tra di noi un anima vagante, ora sta a noi coglierla e custodirla. Ma sappiate che non sarà opera facile... "Che Dio abbia pietà di noi" come ci segnala la prima frase scritta nel booklet di questo albummm... Aiuto!... Help!...


(July 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impression

L'esoterica leggenda Jacula, che aveva riposto definitivamente una pietra tombale sulla propria arte occulta nel lontano 1972 (sulla scorta del secondo album "Tardo Pede In Magiam Versus"), svela nuovamente i suoi oscuri propositi e le sue minacciose musiche, resuscitando dal sepolcro annerito dallo scorrere impietoso del tempo, a quasi mezzo secolo di distanza dal suo silenzio. Pre Viam (anagramma di Vampire, ma anche "prima del cammino verso la trascendenza") è il nuovo manifesto di arte nera inscenato con perizia creativa, trasudante apocalittici scenari contemplativi e funeste atmosfere, che fanno sprofondare in un vorticoso girone infernale e mettono per un attimo in luce la storia oscura della posseduta Sandra B.


ANNIE VARNEY (July 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impression

"Pre Viam" is a concept but a bipolar one at the same time, where on a pole there's the chant of the black queen  who tries for at least one time to love and to be loved, on the other pole it's portrayed the true and horrific story of a possessed girl...Sandra B. The author experienced it at first hand and included it in the last track of the album with the subdirectory of "the black magic of Sandra B.". In the subject of this concept album Jacula gets back to Earth in the body of Blacklady (Jacula is Back), she gives herself to the Fatal King (Oh Sir, it can't be), loves and is loved by death........


(Luglio-Agosto 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

L'indole dark esoterica di Antonius Rex torna a narrare concettualmente, secondo un ciclo iniziatico giunto al suo apogeo (si noti l'ulteriore tematica vampirista nel titolo oltre alle "18 Veritates" in calce all'opera), l'intima relazione tra l'entità Jacula e la mutazione inferta dalla possessione diabolica. Un viaggio dove il bisogno di Amore, nonchè la sua insaziabile delusione, spinge la protagonista (Jacula) ad oltrepassare confini percettivi oltre che fisico-umorali. Una veste intrinsecamente gotica colora di nera pece ogni quadro come in una minacciosa colonna sonora (si veda l'accento orchestrale degli organi, tipologia formale ripresa con modalità differenti da Cradle Of Filth, Type O Negative e Moi Dix Mois), avvalendosi però di un tocco eclettico capace di evocare trame acustiche neo medievali e rinascimentali per tramite dell'impronta horror rock progressiva neo Goblin-Emerson Lake & Palmer ("Deviens Folle" in quest'ottica è perfetta, così quanto l'avatiana "Possaction"). Tanto di cappello Dott.Bartoccetti.


JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

.........partiamo con un nome che tutti gli amanti del progressive e dell'esoterismo ben conoscono, mi riferisco al comeback degli JACULA del magista Antonio Bartoccetti, una persona che è realmente immersa nell'occulto. "Pre Viam" è l'attesissimo seguito di "In Cauda Semper Stat Venenum" e "Tardo Pede In Magiam Versus", le due opere esoteriche e progressive, a suo tempo perdute, ritornate alla luce ed a disposizione del grande pubblico solo qualche anno fa. Ovviamente chi si aspettava un album anche solo simile ai due dischi che ho appena citato rimarrà deluso perché Bartoccetti è figlio del presente, è una persona onesta ed è un artista, non un buffone che per vendere due copie in più sfrutta l'effetto vintage/nostalgia. "Pre Viam" è senza dubbio la sua ennesima trasposizione in musica delle sue ricerche magico/spirituali, così come chiude il discorso intrapreso con i primi due capitoli, un discorso alchemico fatto di enigma e profezie sapientemente celati tra le note del pentagramma ed impalpabili per chi non sa guardare 'oltre'. Musicalmente siamo di fronte ad un'opera quasi indefinibile, tra momenti di puro ambient e divagazioni electro-progressive, tutto è rarefatto, forse troppo mistico per essere descritto semplicemente in due righe, diciamo che "Pre Viam" è un viaggio che l'ascoltatore fa dentro il suo 'se' per trovare ciò che è celato dietro l'invisibile all'occhio umano, una preparazione prima di imboccare la 'via' della verità. Considerare "Pre Viam" semplicemente un disco è impossibile.


(giugno 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

.............prescindendo dal valore intrinseco dell'opera, che, lo dico fin da subito, è alto, altissimo.
Il ritorno sulle scene di Antonio Bartoccetti non è del resto una notizia: ormai da qualche anno (è del 2005 il mastodontico EP/DVD "Magic Ritual") i suoi Antonius Rex son tornati a girare nel nostro stereo, con nostro estremo piacere, aggiungo io.
Ma è una vera notizia il ritorno nell'Anno Demoni 2011 dell'entità Jacula, ibernata in un sonno che pareva dovesse durare in eterno, dopo una breve ma folgorante esistenza: un'esperienza durata lo spazio di due album, i magnifici "In Cauda Semper Stat Venenum" (1969) e "Tardo Pede in Magiam Versus" (1972). Poi sarebbero nati gli Antonius Rex che, fra varie traversie ed uscite a scadenza decennale, giungono indenni ai giorni nostri.
Un titolo come "Pre Viam" (letteralmente "Prima del Cammino"), se da un lato faceva presagire un ritorno prepotente agli umori arcani e sacrali che hanno contraddistinto la prima incarnazione artistica di Antonio Bartoccetti (un'esperienza unica, terribile, enormemente avanti, assolutamente avulsa dagli anni in cui si è andata a materializzare), dall'altro segna una evidente continuità concettuale con "Per Viam", l'ultimo lavoro degli Antonius Rex, uscito nel 2009. Fra questi due opposti sta il senso dell'opera che mi appresto a recensire: da un lato la volontà di recuperare l'antico ed inimitabile spirito che aleggiava negli album targati Jacula; dall'altro l'inevitabile continuità con il presente.
Insomma, se la rievocazione del nome Jacula non può non far tremare i polsi di coloro che ne hanno amato/venerato la musica, la copertina può di partenza generare qualche perplessità, soprattutto se si pensa al suggestivo bianco e nero di quella di "In Cauda Semper" (fra le più scioccanti che la storia del rock abbia conosciuto, se si pensa all'anno di uscita dell'album) o ai vividi toni in pastello di quella di "Tardo Pede" (che ritraeva genialmente il medesimo soggetto in versione a colori). Come la musica, anche la grafica dal 1972 ad oggi ha compiuto enormi passi in avanti, ma continuo a non digerire le orripilanti immagini digitalizzate che da diversi anni ormai corredano i lavori del Magister. E ritorno quindi, un po' intimorito, al quesito iniziale: c'era bisogno di riesumare un vecchio e suggestivo film in bianco e nero e riprenderne il plot per riproporne il sequel in 3D?
Dario Argento con la "Terza Madre" ha fallito alla grande. Antonio Bartoccetti con "Pre Viam" fortunatamente no, anche se ad un primo approccio il contenuto dell'opera sembra ricalcare le sensazioni che si hanno mirando la sua cover alquanto pacchiana: un sound moderno e patinato per una musica che non sa essere più "avanti" come lo era stata in passato, ma che viene partorita da una mente che sembra sapersi emancipare dalle decadi dei settanta e degli ottanta (cosa comprensibilissima, peraltro, anche se da un innovatore come Bartoccetti pretenderemmo un qualcosa in più, quando invece oggi il Nostro, prima ancora di portare avanti la sua ricerca, pare interessato più che altro a raffinare la sua arte, non travolgendone essenzialmente gli assunti di base).
La veste modernista, ovviamente, è imputabile al contributo (qui fondamentale) del figlio di Bartoccetti stesso, in arte Rexanthony (conosciuto per lo più negli ambienti techno-trance-danzerecci dei club di maggiore tendenza), che già aveva avuto modo di collaborare con il padre negli ultimi lavori usciti a nome Antonius Rex.
Tutto molto bello e ben fatto, beninteso, ma amo ancora ricordare l'entità Jacula indissolubilmente legata al talento di Charles Tiring (oggi passato a miglior vita), il cui organo a canne tratteggiava atmosfere irripetibili e dense di un profondo senso sacrale (era del resto un frate o qualcosa del genere); amo inoltre ricordare la chitarra anticipatrice di Bartoccetti che, seppur con grande parsimonia, si affacciava vivida tingendo di oscuro doom (era il 69!!!) le interminabili litanie di Tiring; amo ricordare infine il suggestivo recitato in latino, le liriche enigmatiche, i gorgheggi eterei di Doris Norton, l'assenza della batteria, la presenza di un medium: tutto questo rendeva inimitabile, anzi unica, l'entità Jacula, artefice di musica fuori dagli schemi, realmente sperimentale e quindi progressiva, che ambiva ad essere un'esperienza misterica prima ancora che semplicemente artistica (senza togliere il fatto che la chitarra di Bartoccetti – è vero che all'epoca abitava a Londra e che quindi poteva giovarsi di un contesto culturale pregno di stimoli – era veramente avanti, capace di anticipare persino le soffocanti/ritualistiche atmosfere che consegneranno alla storia i ben più noti padrini dell'heavy metal Black Sabbath – senza niente togliere al genio chitarristico di Tony Iommi, sia lodato in eterno).
Oggi la band, invece, si presenta in una veste rinnovata, ma sicuramente meno innovativa: la forza avanguardistica viene a stemperarsi nella riproposizione di un onesto prog/rock dalle forti tinte gotiche, dove possiamo trovare robusti assalti frontali di chitarra ritmica e batteria battente, e lunghe parentesi atmosferiche, come del resto accadeva alle origini. Solo che i suoni sono cambiati, sono moderni, sono potenti, sono nitidi, puliti, cristallini: sono perfetti per chi vuole esplorare le potenzialità di un impianto stereo con i contro-cazzi; vanno un pochino meno bene per chi, come me, aveva amato alla follia le atmosfere arcane, sfocate, oscure, intangibili di "In Cauda Semper". E poi la voce di Bartoccetti non c'è (l'album è sostanzialmente strumentale, salvo la presenza di sensuali voci femminili), mentre i titoli/testi sono redatti in un banale inglese (ma perché poi?). Nel complesso il sound si fa più ricco,vario ed orecchiabile (a tratti ruffiano nel suo ostentato romanticismo), laddove erano il minimalismo, l'intransigenza e l'estraneità ad ogni tipo di concessione commerciale a discostare la band da tutte le altre formazioni prog dell'epoca, grandi nomi inclusi.
Per il resto, cosa recriminare ad un musicista serio, integro e professionale come Antonio Bartoccetti che, come ogni progster che si rispetti, ama coniugare un eccelso songwriting alla cura maniacale degli aspetti della produzione? Non si parla mica di black-metal, quindi abbandoniamoci a questi quarantasette minuti che sapranno senz'altro esaltare i fan dell'artista marchigiano.
L'auto-celebrativa opener "Jacula is Back" è il simbolo di quanto ci stiamo apprestando ad ascoltare: per le prima metà si muove elegantemente per il sentiero di un ambient catacombale, infestato da effettacci horror e sinistri arpeggi di chitarra acustica (l'impressione è di trovarsi, di notte, proprio nel cimitero in cui veniva profanata la tomba del monaco che dagli esordi fa da sfondo visivo alle escursioni musical-esoteriche della band); nella seconda metà invece irrompono ruvidi riffoni di chitarra distorta che trascinano il brano verso i lidi di un moderno electro/goth/metal di possente fattura in perfetto stile Antonius Rex del terzo millennio.
Insomma, sono presenti tutti gli elementi che contraddistinguono il Bartoccetti dei giorni nostri, e se dobbiamo individuare una differenza con gli ultimi lavori degli Antonius Rex, questa è da rinvenire nell'impronta determinante dell'estro del virtuoso Rexanthony (che si districa egregiamente fra pianoforte, moog, minimoog, hammond, sintetizzatori ecc., non facendo mai rimpiangere la mitica Doris Norton, a questo giro assente), ed in particolare nel suo dotto background classico (molto presente il pianoforte, bissato spesso dal pizzicato del padre, che fa un uso della chitarra acustica maggiore che in passato), a scapito della verve più prettamente "metallica", relegata in secondo piano (fatte salve un paio di circostanze), in uno sfondo di foschi scenari ambientali, scossi sovente da sprazzi di sofisticato prog dallo squisito gusto settantiano.
Tutto decisamente sublime, un ascolto che scorre, fra pause interlocutore, lente evoluzioni e repentini cambi di scenario, sempre sull'onda della tensione, del chi va là, fino al traumatizzante finale, l'oramai nota traccia conclusiva "Possaction", costruita attorno ad un documento vero, le grida strazianti della posseduta Sandra B. (poi suicidatosi nel 2010) registrate durante un esorcismo: un'operazione che non penso sia mai stata tentata nella storia della musica, che mette i brividi solo all'idea e che ci conferma quanto l'arte di Bartoccetti non sia solo musica, ma un'esperienza che intende avvicinarsi con prepotenza al lato oscuro dell'esistenza dell'uomo.
Ed è qui lo scarto fondamentale, il salto concettuale che rende un album di semplice e buon rock progressivo un degno capitolo della saga Jacula. Ne valeva quindi la pena riesumare l'antica salma, poiché, nonostante le rughe, Bartoccetti continua ad essere l'alfiere più coraggioso e credibile di una concezione dell'arte che si fa esperienza mistica, che diviene realmente "musica dell'occulto" in quanto veicolo per avvicinarsi al soprannaturale (invito e monito al tempo stesso, in un gioco di attrazione/repulsione, curiosità/terrore in cui cade inevitabilmente l'ascoltatore, accolto nel rituale ambiguo di un sacerdote che ben padroneggia le conoscenze e gli strumenti a propria disposizione). In questo, Bartoccetti continua ad essere il più estremo di tutti (come dire: quanto il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare), non solo inventore (possiamo dirlo, per lo meno in una dimensione strettamente rock o "commerciale) della musica esoterica, ma anche artista (solitario ed elitario) che non teme davvero nessuna sfida al fine di coronare i propri (oscuri) intenti.


(June, 16 - 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Recensire un disco di Antonio Bartoccetti, che sia sotto monicker Antonius Rex o Jacula, non è un'impresa banale e richiede a chi deve scrivere notevole predisposizione mentale all'ascolto, per compenetrare quelle che possiamo definire opere d'arte 'totali', e notevole ispirazione, per cercare di trasmettere le sensazioni provate in modo ottimale al lettore. Ogni suo lavoro va contemplato, va respirato a pieni polmoni, va ascoltato in religioso silenzio, con concentrazione, per captare la dedizione fisica e mentale che l'artista vi ha ivi posto in quanto le sue composizioni, come ribadito dallo stesso in più di un'intervista, sono il frutto di temporanei momenti di isolamento fisico e spirituale equivalenti alla vita monacale. Il Fato ha evidentemente deciso che questo è un periodo prolifico, per cui a meno di due anni dalla pubblicazione del magnifico Per Viam come Antonius Rex, è arrivato il momento di resuscitare Jacula dopo quasi 40 lunghi anni. Al di là di quelle che potrebbero esserne le eventuali motivazioni esoteriche, va obiettivamente sottolineato che le composizioni presenti in questo lavoro sono caratterizzate maggiormente da una vena prog e da un'aura spirituale più consistenti rispetto all'approccio fisico e più diretto nell'esplicazione del concept che era peculiarità del precedente Per Viam (vedi il rifacimento in chiave metal di U.F.D.E.M o la declamazione contenuta in Antonius Rex Prophecy). La novità, questa volta, è l'assenza delle tastiere (e della voce…) di Doris Norton, da sempre compagna di vita e d'arte, non concorde con una serie di scelte effettuate da Mr. Bartoccetti ma è di rilievo la presenza lungo l'arco di tutto il disco del figlio Rexanthony che, vuoi per la giovane età, vuoi per le proprie esperienze artistiche in ambito techno ed electronic music, ha dettato un mood diverso rispetto al passato donandone un tocco di 'giovanile avanguardia'. E' un piacere inoltre godere in più di qualche brano delle improvvisazioni chitarristiche di Antonio Bartoccetti, il cui solismo è caratterizzato dall'uso di quattro dita (… e non tre, com'era ed è abitudine dei chitarristi nati artisticamente nei seventies) e i più attenti tra voi ne apprezzeranno la differenza. Si apre alla grande con Jacula Is Back, dove effetti infernali schiudono le porte ad una chitarra acustica che ricama un arpeggio madrigalesco, prima che un loop di tastiere supporti una ritmica di stampo hard rock su cui si staglia la splendida chitarra solista. Non tragga in inganno tale inizio perché già nella successiva Pre Viam l'atmosfera diventa più cupa e riflessiva e la presenza delle tastiere diventa più consistente, facendo si che si riescano a captare le differenze (per chi conosce bene i passati lavori) rispetto agli arrangiamenti utilizzati in precedenza. Molto moderno e pregevole il pianoforte di Rexanthony in Blacklady Kiss, che crea un'atmosfera 'maledettamente' soave prima lasciare spazio al synth con un notevole assolo new prog; anche in questo brano è presente un grande assolo di chitarra. Il sottotitolo di Deviens Follie, Gothic Love Piano, è esplicativo dei suoni che giungono alle nostre orecchie mentre un drammatico tappeto di tastiere apre la splendida In Rain, caratterizzata dalla presenza di un'autentico coro gregoriano ed ancora una volta da uno splendido assolo di chitarra. Piano e synth descrivono perfettamente il mood oscuro di Godwitch, prima del tragico epilogo, Possaction, in cui è presente la declamazione di un esorcismo su una ritmica marziale e le reali urla di una ragazza drammaticamente non più presente su questo mondo. L'artwork è eccezionale come sempre accade nei dischi di A.Rex/Jacula ed il giudizio finale non può che essere lusinghiero, soprattutto per quanto ho pronunciato in apertura a questa recensione. Vi invito ad entrare nel mondo di quest'artista, di cui si possono condividere o no le idee, perché l'ascolto della sua musica vi donerà sempre qualcosa in più oltre alle sette note. Ringraziamo Black Widow, che continua nel tempo a scegliere artisti di spessore per le proprie pubblicazioni e per la collaborazione con la nostra testata.

Voto: 10/10


(June 2011)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Sono passati trentanove anni da "Tardo Pede In Magiam Versus", capolavoro di Jacula e album culto/occulto per eccellenza, ma per Antonio Bartoccetti sono stati solo infinitesimi di secondo. Il maestro sa come evocare musiche fascinosamente senza tempo che - alla stregua del vampiro nascosto nell'anagramma di "Pre Viam" - bevono dalla giugulare di una ispirazione dark inesauribile, dimensione arcana per soli iniziati. Questa volta, al suo fianco non c'è Doris Norton, compagna d'arte e di vita, sostituita alle tastiere dal figlio Rexanthony. La mancanza della gentile presenza femminile sembra avere ispirato a Bartoccetti le sue melodie più tristi e malinconiche di sempre, attraverso cui racconta una tragica storia d'amore (dell'Amore) e di possessione diabolica. Il culmine viene raggiunto nel terrificante esorcismo finale di "Possaction", con le urla vere di Sandra B., ragazza morta suicida l'anno scorso dopo una dolorosa esistenza da indemoniata. Nei brani che conducono all'agghiacciante climax, la sei corde del maestro ha modo di scatenarsi in straordinari assolo prog ("Jacula Is Back", "Blacklady Kiss", "In Rain"), incastonati tra maestosi synth gotico-sacrali, inquietanti fraseggi pianistici, cori monastici da gran tenebra e criptiche elucubrazioni dark ambient. "Godwitch", vetta artistica del disco, si porta nel nome e nelle note la summa del suono Jacula: divino... e stregato!

Voto: 8,5.


(online webshop - psychedelic)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Esoterically Pre Viam (an anagram of Vampire as the previous Per Viam) is focused on the sadness, the melancholy and the suicidal tendency of the protagonist Jacula, portrayed through seven fantastic musical paintings where the unfailing Gibson SG of the author unveils the face of the most authentic progressive rock, where the acoustic guitar phrasing gives a link with the past, where the epic evocative world of the big keyboards is absolutely unique, where the perfectionist drumming ranges from electro-next to rock. The concept created by Antonio Bartoccetti is is a spine-chilling release, a perseverant concentrate of killing brainstorming and also a genial mixture of conflicting adjectives aimed to the mystical-theological-esoterical-existential reflection of the listener. A fusion created by a superior mind with metal core touches very loved by the younger generations, with a parabiblical, mystical, darkly magic sound obviously progressive with esoterical musical inventions such as the absolutely new perseverant sound and a black queen who sings in an anomalous way her disharmonic melody. Pre viam promises it won't miss a beat: catacombal groove, cryptic rhythm guitars, unique chanting of the Lady in Black, aristocratic, noble, dreaming atmospheres and surely great visions...


Esoterico Pre Viam (anagramma di Vampire come il precedente Per Viam) è focalizzato sulla tristezza, sulla malinconia e sulla tendenza suicida del protagonista Jacula, illustrate attraverso sette pitture musicali fantastiche i cui la infallibile Gibson SG dell'autore rivela il fronte del rock progressive più autentico, in cui la fraseologia della chitarra acustica si collega con il passato, dove il mondo evocativo epico di grandi tastiere è assolutamente unico, dove il rullo del tamburo perfezionista varia dall'elettrico al rock. Il concetto creato da Antonio Bartoccetti è un'agghiacciante comunicato, un concentrato perseverante di trascendenza, brainstorming e anche un mix geniale di aggettivi contrastanti finalizzato alla mistica-esoterica-teologica-esistenziale riflessione di chi ascolta. Una fusione creata da una mente superiore con anima e tocchi in metallo molto amato dalle generazioni più giovani, con un parabiblico, mistico, magico suono scuro ovviamente, con progressive-esoteriche invenzioni musicali come il suono assolutamente nuovo, perseverante e una regina nera che canta in modo anomalo la sua melodia anomala. Pre Viam promette di non perdere un colpo: groove altamente dark, chitarre ritmiche underground, canto della Signora in nero, aristocratico, nobile, sognando atmosfere e visioni sicuramente notevoli.


(online progressive webshop)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - review

Nuovo episodio nella saga di Jacula. Antonio Bartoccetti e la sua Gibson disegnano nuovi brani dalle atmosfere catacombali. Un concept unico e affasciante, esoterico e orrorifico. Imperdibile per tutti gli amanti della privilegiata progenie musicale di Antonio Bartoccetti.


JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - interview

Intervista ad ANTONIO BARTOCCETTI              

band: JACULA
album "Pre Viam"
label: Black Widow
label code: BWR 135
distribution: USA (Century Media), GREECE (Labyrinth Of Thoughts)
NETHERLAND (Clear Spot International B.V.), ITALY (Masterpiece Distribution), GERMANY (Hellion)

line-up 2011:
- chitarra: Antonio Bartoccetti
- tastiere: Rexanthony
- batteria: Gorman

by MARCO CAVALLINI (Spectraweb)

Misticismo Assoluto


Visto il divorzio artistico da Doris Norton avvenuto nel 2009 la prima domanda è obbligatoria. "Pre Viam" è il disco che era già pronto da anni (riarrangiato e comunque riveduto nell'ultimo bienno) oppure è un disco completamente diverso, composto, scritto e registrato nel 2010?

Anni luce fa seguivo le fantasie mistico-esoteriche del mago Franz Parthenzy... col passare del tempo lui è stato sostituito da diverse visionarie e recentemente amo gli oracoli della profetessa Francesca B. concentrati relativamente a "Pre Viam", sul brano "Possaction" (azione del possesso). L'intero album non poteva uscire prima della scomparsa della adepta. Effettivamente tutte le parti di tastiere, piano e sintetizzatori, erano state fatte da Doris Norton la quale da quel periodo ha voluto rinunciare al suo contributo musicale/creativo all'album. Quindi sono state tolte tutte le sue parti di tastiere e sono state sostituite con nuove partiture.... adesso lei sta portando avanti dei progetti solistici.


Quando hai capito che, nonostante la dipartita di Doris, "Pre Viam" doveva obbligatoriamente essere comunque ultimato? Elementi esterni ne hanno ritardato la pubblicazione che avviene solo ora?

Effettivamente, sempre a fine 2010, quando l'ispiratrice e la protagonista di "Possaction" è passata a una vita spirituale. A quel punto ho cercato altre tastieriste fra cui quella dei Crematory ma non era al dentro delle regole elettroniche e quindi in ogni caso, similmente a tante altre, non era in linea. In effetti avevo una trave negli occhi e non avevo visto che all'interno del nostro team c'era il pianista di cui avevo bisogno. Con Anthony è stato tutto velocissimo e splendido... e poi lui gli ha dato un tocco di "giovanile-avanguardia".


La copertina è leggermente cambiata rispetto a quella che era online fino a poco tempo fa. Ci sono sempre l'Invisibile, le lapidi e le tombe, ma sono scomparse la cappella cimiteriale e la luna; il tutto in uno sfondo che appare meno cupo del precedente; a cosa è dovuta questa scelta?

Questa scelta è dovuta alla volontà di trovare lati comuni con i due precedenti album, vale a dire "In Cauda" e "Tardo Pede". Quella copertina di cui parli la userò sicuramente per dei singoli remix, sempre tratti da "Pre Viam" in un prossimo futuro. Nel nostro team si è deciso che la copertina definitiva è assolutamente OK... anche nei suoi colori con toni azzurri.


L'artwork interno è curatissimo, come sempre; presti molta attenzione all'aspetto visuale/grafico della tua proposta?

Si, questa volta all'interno delle grafiche di "Pre Viam" abbiamo inserito anche immagini che provengono da alcune nostre sostenitrici fedelissime... il risultato globale è ancora una volta molto speciale e originale ma nel caso specifico, c'è un cambiamento rispetto alla volontà esplicita di mettere la ragazza esoterico/gotica su un virtuale piedistallo di trascendenza e spiritualità.


Sono presenti nel libretto le microsceneggiature dalle quali sono stati partoriti i brani. Puoi descrivermele dettagliatamente?

Nel libretto sono presenti i titoli delle micro-sceneggiature che ora ti vado ad elecare.
"Jacula is Back" (il mistero delle 3 V nell'atto terzo)
"Pre Viam" (oh mio Signore... non può essere vero)
"Blacklady Kiss" (1 io amo, 2 lei ama... la voce della Signora in Nero)
"Deviens Folle" (un piano gotico che suona da solo in una foresta bagnata)
"In Rain" (la profezia delle 3 streghe)
"Godwitch" (stato di incanto per la strega della divinità)
"Possaction" (il mondo della possessione)


Nei credits del disco (o almeno quelli online sul tuo sito) non appare Monika Tasnad; hai rinunciato al suo apporto medianico in questa occasione? E quale ruolo ha invece avuto la maga Francesca B. nel processo di composizione dell'album?

In "Pre Viam" non c'è il contributo di Monika, mentre è notevole quello della profetessa Francesca B.. E' lei che mi ha messo in contatto con la vittima, vittima chiaramente del Demone. Con lei ho potuto dialogare anche quando entrava in stato di trance... ed era una cosa affascinante quanto terrificante. L'ultima volta avevo in macchina la mia inseparabile telecamera e quando lei ha perso il controllo ho avuto la forza di mettere in "record" la telecamera stessa. Poi ho archiviato il nastro DV senza riascoltarlo, per diversi mesi. Quando l'ho riascoltato mi sono reso conto che era un grande documento il cui 80% è stato trasferito all'interno del brano "Possaction". Chiunque, ascoltando il brano (e sono già numerosissime le email), rimane positivamente coinvolto e si rende inequivocabilmente conto dell'assoluta autenticità della voce della posseduta e della presenza del divino.


Mi hai anticipato che il vinile, oltre che graficamente, contiene sorprese dal lato musicale; vuoi dirmi?

Il cd contiene 8 tracce di cui 7 audio ed una video... e quindi mi sembrava giusto che anche il vinile contenesse 8 tracce. A questo punto abbiamo composto una melodia per pianoforte che abbiamo chiamato "Abandon ed" e che è in perfetta linea con gli altri brani dell'album e con la sequenza della tracking list. Quindi 8 tracce anche per il vinile, supporto tipicamente dedicato agli esigenti della musica e del formato, su cui è specializzata la nostra label Black Widow.


La versione CD dell'album contiene il video "18 Veritates". Cosa dobbiamo attenderci da esso?

A fine cd c'è la traccia video che contiene 18 delle mie verità. Queste servono per riflettere e per affrontare positivamente le problematiche quotidiane. Ecco 4 delle 18 verità... le altre ve le andate a cercare:
- Nessuno ha scelto di nascere.
- Tutti vivono nella paura della malattia e della morte.
- Possiedi la morte... diventerai immortale.
- La maternità forzata di povere donne pazze.


Affrontiamo ora a fondo il disco. Se dovessi descriverlo in due sole parole userei "Sacrale e Malinconico"?

Sono d'accordo aggiungendo comunque parabiblico, mistico, magicamente oscuro, chiaramente progressive-dark ed assolutamente perseverante. Per "Perseverant Sound" da me inventato intendo la creazione di una forma di trance-music che diventa ossessiva, perseverante ed ascoltabile solo dai nostri seguaci.


Il sound, anche nelle sue porzioni più hard, è meno graffiante rispetto all'ultimo Antonius Rex "Per Viam". Musicalmente parlando, quali sono a tuo parere i punti di incontro ed invece le differenze maggiori fra i due albums?

Il sound doveva fatalmente e necessariamente essere diverso e nello specifico più soft e più generatore di visioni. I punti di incontro dei due album sono sicuramente gli ambienti e le suggestioni che sanno emanare i due lavori. Mentre le differenze sono nel concept, che questa volta ruota intorno alla spiritualità assoluta.... concept offerto in forma più cerebrale che epidermica.


Il tuo caratteristico recitato in latino usato in passato è oggi sostituito dal canto di due voci femminili; Katia Stazio e la misteriosa Blacklady. Puoi presentarmi meglio le due vocalist?

Ho notato la voce di Katia Stazio andando ad una rappresentazione teatrale dove svolgeva il ruolo di protagonista e le ho chiesto di interpretare Antonius Rex Prophecy. Ho capito subito che quella voce avrebbe potuto dare un buon contributo a due brani dell'album... e così è stato per "Deviens Folle" e "Pre Viam". E' stato fatto tutto molto in fretta e senza commetere nessun errore.... il lavoro poi di post-produzione in studio è stato molto semplice poichè la sorgente vocale era originiariamente più che buona. Per quanto riguarda Blacklady è lo pseudonimo di una ragazza norvegese che ha dovuto cantare il brano "Blacklady Kiss" con la sua voce naturale e tipicamente femminile, che poi è stata trattata con molti processori fino al raggiungimento dell'obiettivo che volevo, vale a dire una voce androgina priva di sessualità e direi originalmente unica. Nei nostri archivi esiste anche una versione più completa di "Blacklady Kiss" dove la ragazza canta anche molte altre strofe. Vedremo se farla uscire più avanti come singolo....


Ricordo una tua frase riguardo "Pre Viam" detta alcuni anni fa. "Chi lo ascolta cambierà vita"; cosa intendevi dire con quelle parole?

"Pre Viam" ha grandi caratteristiche implicite. A chi lo ascolta può realmente cambiare la vita sia per ciò che riguarda i contenuti perseveranti ed adorativi e spirituali che per quanto riguarda i contenuti del brano "Possaction" i quali inevitabilmente mettono l'ascoltatore nelle condizioni di credere assolutamente nelle forze occulte, nell'aldilà, nel potere dei demoni. Quindi se credi nel demone devi credere anche a Dio.... insomma stiamo portando nuova acqua al cattolicesimo.


"Per Viam" degli ANTONIUS REX appariva come un invito a cercare di conoscere il lato spirituale della vita.

Spirituale e materiale.


Questo "Pre Viam" sembra invece avere due volti da interpretare; da un lato appare come un ammonimento, un avvertimento a non cercare di intraprendere un cammino mistico se non si è totalmente convinti del passo che si sta per compiere.
Dall'altro si presenta invece come l'ideale colonna sonora per chi ha deciso di intraprendere questa filosofia di vita. Concordi con questa mia tesi?

Pre Viam è: sound parabiblico mistico esoterico, musica per la tua evoluzione spirituale e qualcuno ha anche detto "il sound della divinità", per comprendere i valori inutili del quotidiano.


Mi piacerebbe avere un confronto critico/musicale sui singoli brani di "Pre Viam".
Partiamo con "JACULA IS BACK"; il suo mood fotografa al meglio l'atmosfera della song, oscura e sacrale al tempo stesso. Credi fosse la canzone giusta per aprire il disco?

Pre Viam doveva assolutamente aprirsi in quel modo.


"PRE VIAM"; chitarra acustica e maestosi synths reggono una melodia portante meravigliosa che appare, scompare e poi riappare fino a spegnersi, ma vorresti non finisse mai.

E' il primo esempio di "perseverant music" la dove il contrabbasso centrale ti segue e non ti abbandona fino alla fine. Abbiamo impiegato molto tempo a incidere la parte di Hammond ottenuta con un vecchio Hammond a cui abbiamo aggiunto svariati plugins. Il giro di chitarra acustica è effettivamente creativo senza tante autocelebrazioni.


"BLACKLADY KISS", fra le mie preferite in assoluto. La sua tristezza è assoluto e il cantato dell'enigmatica Blacklady mi hanno stregato; riffs a cascata e moog nostalgico.

Non vi è altro da dire!!!!


"DEVIENS FOLLE", ancora tristezza e malinconia profonde, con un pianoforte protagonista e una voce dolcissima.

Ci ha messo non più di un'ora per interpretarla.


"IN RAIN"; una prima porzione liturgica spezzata da una seconda parte decisamente hard. Un perfetto quadro sonoro della microsceneggiatura dalla quale è nata, non credi?

Grande rispetto ai cori gregoriani frutto di monaci locali per i quali il denaro non conta nulla.


"GODWITCH", una canzone in crescendo dove gli elementi dello JACULA sound si fondono alla perfezione... il tutto a creare un brano dall'andamento ipnotico, quasi sospeso nel vuoto.

Devo proprio dirlo: è il mio brano preferito in assoluto.


"POSSACTION", l'atteso brano sulla ragazza posseduta. Una splendida melodia d'organo e il contrasto fra le urla e un coro religioso...

...non dò giudizi.... può decidere solo il nostro pubblico... anzi... il pubblico!


Quali sensazioni ed emozioni speri/pensi possa suscitare nei tuoi fans un brano come "Possaction"?

Possaction è un documento più che un brano musicale, quindi è una componente oggettiva che come input può dare una "sensazione" all'ascoltatore.


La Chiesa cattolica condanna il suicidio, preventivando un aldilà pieno di dolore e insidie per chi elimina la propria vita. Tu concordi con questa tesi?

Assolutamente si anche se poi è la nostra coscienza a decidere per l'eternità.


Quale è la tua opinione riguardo le persone che, pur non avendo avuto prove tangibili/esperienze dirette dell'esistenza di Dio, credono ciecamente nella sua esistenza e dedicano la loro vita su tale convinzione?

Fra ateo, ateo devoto e devoto è chiaramente inviadiabile la terza posizione..........


Il monastero e l'ascetismo; una scelta di vita che può magari comportare delle rinunce, ma che se vissuta al meglio può dare delle emozioni e soddisfazioni incredibili; sei d'accordo?

Ovviamente è tutto relativo.... è la mente dell'individuo che decide e scolpisce le verità della propria esistenza. Amo da sempre la vita monastica.... fatta di misticismo, sogni e rinunce. Fra un pò tornerò in monastero per il grande progetto C.M. ed avrò bisogno di stare da solo..... solo con la mia spiritualità. Mi porterò parte dello studio per poter congelare le idee.


Qualche anno fa dichiarasti: "Se non credi in nulla su questa terra allora nulla ha valore su di essa. Se credi nella religione tutto ha valore, ma devi attendere una vita; se credi nella religione e nella magia devi attendere meno". Sembra quasi un invito, ma quante persone credi siano disposte a correre il rischio?

Non è questione di correre il rischio..... il problema per gli umani è semplicemente questo: esiste tutto o non esiste nulla? A questo punto intervengono i sensi etici e se esiste tutto, l'uomo ha il dovere di seguire una linea esistenziale, meglio se mistico-teologica sempre nel rispetto di chi lo circonda. Ovviamente ogni mente umana è unica e quindi torniamo al soggettivismo più estremo.... siamo 7 miliardi di menti diverse.


Perché gli albums di JACULA terminano sempre con una parola la cui iniziale è a lettera V? C'è un simbolismo/messaggio esoterico di fondo?

E' una vecchia profezia del mago Parthenzy....


Nel video spot ufficiale di "Pre Viam" compare la discografia di JACULA e vedo che sono già programmati ben altri due albums; a cosa è dovuta una così fitta attività creativo/compositiva/discografica?

Non è dovuto a nulla se non che alla voglia adesso di comunicare e lasciare documenti musicali importanti.


Quali sono nel futuro i più immediati progetti musicali?

Stiamo vivendo un periodo effettivamente molto creativo e quindi, dopo Pre Viam, siamo subito tornati in studio per dare vita all'album H.D.. Ovviamente si tratta di un album degli Antonius Rex e quindi meno tematico di Jacula. Il che vuol dire anche metal, doom, goth, e cento altre invenzioni. Collateralmente ad H.D., da un incontro con MONIKA TASNAD (di questi giorni) è scaturito un nuovo progetto, che definisco molto particolare e che ho già iniziato a disegnare. Il progetto è sintetizzabile in C.M. e nei tempi a venire vorrei cominciare a svelarlo ai nostri seguaci. Per concludere H.D. e C.M. ci porteranno via molto tempo, ma ritengo che siano realmente due decreti del fato.


Ti ringrazio e lascio a te le parole finali.

Le parole finali sono le iniziali di uno dei prossimi album di Jacula che naturalmente finisce con la parola V. Ecco in anteprima mondiale per te la sigla del titolo dell'album: "L.... N.. A.... V....."


ELENA ROCCHI (pittrice)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impressions

Ancora una volta un'opera assoluta. Mentre trasmetto le mie immodeste impressioni su questo disco e mando la mail al sito della band, mi ricordo che oggi è il primo Maggio e quindi così per ridere vado su Rai3, non in compagnia di uno fra i tanti "servili" che mi seguono a tempo tutto, ma solo con il mio piccolissimo pincher focato. Il Concertone è una fogna di pensionati... la musica è piccola, banale, scontata, comicamente anacronistica. Spero che i giovani ci siano andati solo perchè era gratuito. L'unico che mi è piaciuto è stato Celestini ma lui è un filosofo della comunicazione. Torniamo a "Pre Viam".... un disco così intelligente potrà piacere a poche migliaia di umani al mondo... quelli che vogliono emozioni, che sputano sulla "canzonetta", che vogliono celebrare l'amore estremo.... quelli che già sapevano di trovarci anche la voce di un'adepta posseduta "Possaction", quelli che sanno di valere e vogliono sempre tutto e subito. Ed io sono fra questi. Ed amo questo disco. "Pre Viam"... 7 quadri musicali fisicamente contrapposti per creare il fascino teatrale e apocalittico, 7 onde elettromagnetiche sfocianti in un'affresco oltre il metal, oltre l'heavy, oltre le suggestioni sintetiche. "Pre Viam".... l'auto-celebrazione dell'autore, la disperazione e la tragedia della protagonista... i sentimenti forti che dominano l'album. C'è un incombente atmosfera di disperazione-ossessione ma ad un tempo di auto-compiacimento... la voglia di entrare nelle sabbie mobili per esserne assorbiti. Si crea un fortissimo oblio psichedelico, specialmente nei finali perseveranti che Bartoccetti ha inventato e incluso in quasi tutte le tracce. Ma intanto il "concertone" del 1° Maggio prosegue... ve lo immaginate uno dei brani di "Pre Viam", eseguito in questo contesto di pubblico demente? Un attimo signori.... un attimo di attenzione, prego.... stanno arrivando i Subsonica, band che doveva disegnare il futuro... ma allora non erano meglio i Litfiba? ...anche se quel chitarrista non ha mai saputo suonare la chitarra. Dubbio amletico... ma perchè Subsonica ha il cappello.... è calvo!? Come la sua musica?


JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impressions

Parlare del nuovo album del progetto Jacula dopo quasi quarant'anni è un compito davvero arduo. Ci sono grosse aspettative su questa uscita e non a caso si parla di un personaggio di culto come Antonio Bartoccetti, scappato in Romania due ore prima che lo potessi intervistare su "Pre Viam" nel mio contenitore radiofonico del Giovedì sera "Moshpit". E allora non ci resta che analizzare e interpretare la sua musica, sperando di rimanere incolumi di fronte a tanta (oscura) energia esoterica. Il disco si apre con "Jacula is back" suite di oltre sette minuti che alterna atmosfere dark, partiture neo classiche e irruenza horror rock (in primo piano le chitarre, una delle novità di questo disco). Brano davvero convincente che si avvale di notevoli cambi di tempo e di grande ispirazione in fase compositiva. Malinconici arpeggi (pizzicati in un "cimitero di campagna") aprono la suggestiva "Pre Viam", altri nove minuti di grande pathos oscuro (quasi cinematografico), dove una voce femminile recita versi che non possiamo (o non vogliamo) sapere. Riconoscibili le influenze prog che hanno reso Bartoccetti famoso non solo in Italia. "Blacklady Kiss" alterna misticismo celestiale (chitarre ancora in primo piano) a ricadute nel buio del dark esoterico e del prog anni '70, sonorità che già abbiamo ascoltato e apprezzato negli Antonius Rex. Ancora struggente malinconia con "Deviens Folle", ma solo per poco. Si aprono gli avelli e una voce (femminile) dall'oltretomba ci ammonisce che nel non-luogo degli Jucula, la strada maestra non è mai quella che sembra. Più ritualistica e avvolta da un' alone di controversa sacralità (sacro & profano) è "In Rain". Irrompono nuovamente strane voci (medianiche?) e il brano si arricchisce di un "terreno" spessore hard rock. Per il sottoscritto "Godwitch" è il miglior brano dell'album o meglio ancora uno dei brani più ispirati mai composti da Bartoccetti in assoluto. Dolorose memorie, rito di trasformazione, il tocco profondo di una divinità antica, la strada verso la comunione con la natura e i suoi misteri, tutto questo è "Goldwitch", affresco di suoni e colori diversi e pertanto affascinanti. Se abbandoni la strada terrena non aspettarti la luce del paradiso ma l'oscurità aberrante della possessione diabolica. Bartoccetti non poteva concludere in maniera più orrorifica ( e in un certo senso attuale) il ritorno degli Jacula col brano documento ( così da lui definito…) "Possaction". Un inferno di dolore, urla, lamenti (di una ragazza sul serio posseduta… poi suicidatasi) e l'Hammond in primo piano. Fa paura la musica degli Jucula: fa davvero paura! Sfido chiunque ad ascoltarla di notte nel buio della sua stanza…io non lo farei mai. E se qualcuno ha avuto dubbi sull'influenza esoterica e misterica della sua musica, ora dovrà ricredersi di brutto. "Pre Viam" è uno dei capisaldi dell' Horror Rock italiano targato 2011 e dei prossimi quarant'anni almeno… Bentornati Jacula: colonna sonora dell'apocalisse dell'anima e del corpo.


JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impressions

Nuovo episodio discografico per la creatura nata dalla fervida mente del compositore Antonio Bartoccetti, il terzo capitolo della saga Jacula, dopo In Cauda Semper Stat Venenum (1969) e Tardo Pede In Magiam Versus (1972); album che sono delle autentiche perle nere intrise di esoterismo puro, mistica e magia. Grazie all'etichetta genovese Black Widow (che ne ha curato la ristampa) finalmente chiunque può ascoltare quelle composizioni mistico-magiche, quel sound para-biblico, apocalittico capace di creare vere e proprie visioni esoteriche nella mente degli ascoltatori più fedeli del progetto. Pre Viam è a tutti gli effetti, un concept bipolare : da una parte troviamo il canto della regina nera che cerca per una volta di amare ed essere amata (primo esempio al mondo - Blacklady Kiss) e dall'altro troviamo quest'ultimo sigillo in cui si colloca la storia vera e terrificante di una ragazza posseduta. S.B. L'autore ha vissuto in primis questa esperienza e l'ha inserita nell'ultima traccia dell'album con la subdirectory di "the black magic world of S.B". Questa la sceneggiatura dell'album : JACULA torna sulla terra nel corpo di "Blacklady (Jacula Is Back)", concede la sua grazia al Re Fatale (Oh Sir, It Can't Be), ama e viene amata dalla morte (Blacklady Kiss) ma questo non le basta e si lascia totalmente andare all'amore vero del Grande Sacerdote che dopo averla illusa e posseduta in toto, l'abbandona (il brano recita "Deviens Folle"). Delusa e in lacrime, si reca in convento per entrare in clausura ma si imbatte fatalmente in un gruppo di preti pedofili ("In Rain") che con il loro modo "omosex" di cantare dimostrano di non voler comprendere il suo travolgente dolore di donna. Delusa anche dai preti, Blacklady entra in una foresta incantata dove decide di diventare la Strega della Divinità ("Godwitch"). Viene infine condotta in un rituale occulto, una messa oscura dove viene posseduta dal demone che entra in lei ("Possession.." è il diavolo che parla in lei.. "Possaction"). Come il precedente album (Per Viam) del progetto Antonius Rex, il titolo dell'opera (Pre Viam) è l'anagramma di Vampire. Questi i musicisti coinvolti nella release : Antonio Bartoccetti (voce, chitarra, basso e composizione, direzione, sceneggiatura); Rexanthony (tastiere, piano, sytnh); Florian Gorman (batteria); Katia Stazio (voce); Blacklady (voce). "Jacula Is Back " la prima traccia dell'album introduce l'ascoltatore nell'esoterico mondo creato minuziosamente da Antonio Bartoccetti. Atmosfere horrorifiche, catacombali e allo stesso tempo terremotanti. Ascoltando la traccia si ha proprio la sensazione del ritorno di Jacula. Monumentale la struttura compositiva con un largo uso di tastiere, chitarre acustiche, elettriche e splendidi sytnh assieme a basso e batteria per completare l'opera. In questo primo episodio troviamo numerosissime variazioni stilistiche-compositive, che alimentano la longevità della traccia e donano ulteriore peculiarità ad un'opera unica. Nella parte centrale del brano troviamo uno splendido fraseggio chitarristico suonato in maniera impeccabile dal geniale Bartoccetti. Le atmosfere provate, durante l'ascolto, sono veramente troppo per essere elencate e; una recensione; per quanto dettagliata, non potrà mai farvi capire appieno la bellezza di un'opera simile. " Pre Viam " la title-track si apre con una splendida partitura strumentale, superata la parte introduttiva, troviamo la voce di Katia Stazio che declama "Oh Sir, It Can't Be". Splendide le atmosfere fatalmente sigillate dal magistrale lavoro di Antonio Bartoccetti. A livello compositivo siamo di fronte ad un capolavoro assoluto. Numerose le variazioni stilistiche che impreziosiscono l'operato del gruppo, incredibile le parti suonate da Rexanthony alle tastiere. Ascoltando la traccia, l'ascoltatore vive proprio la sceneggiatura del disco. Visioni esoteriche in musica. " Blacklady Kiss " un'ammaliante voce femminile ci conduce all'interno del vortice emozionale. Ancora una volta le atmosfere fanno la differenze regalandoci un brano perfetto sotto ogni punto di vista. La trance mistica viene trascesa dall'ascoltatore quando entra in scena, a ridosso del terzo minuto, un assolo chitarristico di Antonio Bartoccetti che definire da brividi è poco. Superata questo splendido guitar solo troviamo un passaggio musicale condotto in maniera perfetta da Rexanthony alla tastiere. Composizione di pura e incontaminata arte esoterica. " Deviens Folle " meravigliosa introduzione malinconica, realizzata in maniera sublime da chitarra acustica e piano; composizione meravigliosa, sorretta dalla grande capacità tecnico-espressiva del gruppo guidato dal carismatico compositore Antonio Bartoccetti. Traccia che ha, al suo interno, numerose sfaccettature differenti dell'amore e della malinconia che vengono sviluppate abilmente dai musicisti coinvolti nel progetto. La composizione non diventa mai banale o retorica e questa è una qualità molto rara, soprattutto al giorno d'oggi. Toccante il finale con l'esasperazione della frase "Je Deviens Folle" recitata ripetutamente e manipolata fino a diventare claustrofobicamente ossessiva. " In Rain " l'atmosfera trasognante realizzata con l'ausilio dell'immenso lavoro tastieristico apportato da Rexanthony funge da trait d'union con le composizioni precedenti. Un canto gregoriano disturbante s'innalza all'interno della traccia sorretto da una maestosa partitura d'organo. La composizione cambia radicalmente dopo i primi tre minuti, stacco progressive con forti influenze barocche create dal sapiente synth di Rexanthony e dalla poderosa struttura ritmica di basso e batteria. Superata questa parte troviamo un magnifico fraseggio chitarristico ad opera di Antonio Bartoccetti che si staglia perfettamente nel muro sonoro creato dalla traccia. Il finale con la voce distorta che ripete "rain" in maniera ossessiva ci rimanda al finale della composizione precedente. " Godwitch " In sottofondo possiamo ascoltare una pioggia battente, pian piano un tappeto sonoro egregiamente suonato da Rexanthony introduce l'ascoltatore all'interno della composizione. Dopo alcuni minuti la pioggia sparisce definitivamente e compaiono, nella traccia, numerosi rimandi a stili musicali diversissimi. Bartoccetti riesce a incasellare l'ennesimo capolavoro in grado di far convergere all'interno di una sola traccia molteplici sfaccettature. Il geniale compositore marchigiano crea un'opera esoterico-mistica di altissimo livello. " Possaction " l'ultima traccia del disco è molto complessa. Solo i seguaci del musicista riusciranno a godere e nutrirsi del brano in questione fino in fondo. I comuni mortali (ipotetici pre-seguaci) sospenderanno l'ascolto già dal secondo/terzo minuto per poi riprenderlo in tempi di equilibrio raggiunto. Tracia che omaggia volutamente il magico mondo nero di S.B. Nella traccia troviamo, urla disperate dalla ragazza durante l'esorcismo, una musica marziale che alimenta l'assoluta crudeltà dell'esorcismo e una magnifica atmosfera horrorifica. Impossibile cercare di spiegare meglio il brano, va vissuto, come tutto il disco del resto. Pre Viam è una perfetta miscela di generi musicali, un'enorme fusione mistico-magica creata da un'artista superiore. Penso non ci sia più altro da dire se non : ascoltate questo capolavoro; dedicategli tempo per una corretta assimilazione e, soprattutto, entrate in profondità; realmente a contatto con le atmosfere generate dalle composizioni esoteriche, mistiche e magiche di Antonio Bartoccetti. Ancora una volta quel suono così peculiare, capace di generare visioni altre e alimentare le capacità percettive dell'ascoltatore fa centro e ci regala l'ennesimo capolavoro firmato da un compositore in continuo divenire.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 10/10


JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impressions

E' subito un lavoro esoterico molto centrato, un fulgido esempio di psycho-dark che risente anche della nuova psichedelia californiana... ma in modo più creativo e malinconico ("Deviens Folle"). Infatti il punto di riferimento sono sempre gli Antonius Rex, rivisti in modo più soft ed anti heavy: ma ci sono anche gli anthem rocciosi (la parte finale di "Jacula is Back"). L'utilizzo di chitarre acustiche e di tastiere vintage (vedi Moog a cura del nuovo tastierista entrato nel team), allarga lo spettro delle loro invenzioni musicali e trasforma il loro particolare sound in elegante e tristemente affascinante (brano omonimo "Pre Viam"). Quello che potrei definire il loro leader nel suo esser tipicamente un misterious-wizard, dimostra di non saper solo intonare melodie gotiche e sognanti, ma è anche leader nei toni più carezzevoli come "In Rain".... con dei frati che lui sembrerebbe definire "tristemente pedofili" incuranti del dolore della primadonna. Uno degli apici del disco (7 brani nella versione digitale e nel cd) è "Godwitch".... la vera rappresentate di Jacula 2011... band nata con l'album "In Cauda" e con il successivo "Tardo Pede". L'intero "Pre Viam" è un grande esempio di stoner-doom spaziale fuso con impressionismo classicheggiante post-gotico. Comun denominatore è la sofferenza dell'adepta e la sua possibilità temporanea ad avere un ruolo occulto a fianco del feudatario. Stanze buie, pioggia, lacrime, sussurri, condanne inquisitorie, rogo della posseduta ("Possaction")... sonorità uniche a dimostrazione che sono davvero "unici" gli utilizzatori di questo disco.


MARCO CAVALLINI (giornalista)
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impressions

"Pre Viam" (oltre ad essere l'anagramma di Vampire) tradotto dal latino significa "Prima del cammino, del sentiero". "Pre Viam" è il nuovo album (a distanza di ben 42 anni dall'embrionale "In Cauda Semper Stat Venenum", 1969) di Jacula, il gruppo dark mistico esoterico per eccellenza della storia del nostro pianeta. "Pre Viam" è un disco il cui messaggio è bilaterale, un'opera che mette l'ascoltatore nelle condizioni di dover effettuare una scelta: da un lato appare come un ammonimento, un avvertimento a non cercare di intraprendere un cammino mistico se non si è totalmente convinti del passo che si sta per compiere; dall'altro si presenta invece come l'ideale colonna sonora per chi ha deciso di intraprendere questa filosofia di vita. Chi opterà per la prima soluzione godrà musicalmente di un disco che unisce immensa sacralità e infinita malinconia alla perfezione modale. Chi sceglierà invece la seconda opzione ne godrà anche spiritualmente, e adorerà in eterno questo lavoro, cibandosene quotidianamente come l'aria che respira. L'annunciato ed attesissimo brano costruito sulla vera storia di una ragazza posseduta (S.B., suicidatasi nel dicembre 2010) c'è, ed è posto alla fine, come a monito per chi volesse intraprendere sentieri pericolosi senza averne la piena convinzione, e non prestando la giusta attenzione e coraggio. Il suono, anche nelle sue porzioni più hard, è volutamente meno duro e graffiante rispetto all'Antonius Rex sound, e il recitato di Bartoccetti (che era ritornato su "Per Viam") è assente, sostituito dal canto di due voci femminili, la dolce Katia Stazio e la misteriosa Blacklady. Ad aprire l'album, introdotta da demoniache voci soprannaturali è "Jacula is Back", poggiante inizialmente su un ambient oscuro e sacrale al tempo stesso, con l'organo e le chitarre acustiche che entrano contemporaneamente nell'economia del brano. La chitarra iperprogressive si rende poi protagonista fra toni soft alternati ad altri hard, mentre l'organo e l'ingresso di un coro sacrale danno un tono monastico al tutto. "Pre Viam" si apre su rintocchi acustici e synth maestosamente oscuri e la sua melodia portante viene più volte accompagnata da un organo divino, mentre la delicata voce di Katia Stazio ripete "Oh sir, it can't be"; il cantato si fa poi ansimante e il brano va spegnendosi su archi terrificanti , ma successivamente un pianoforte che suona lontanissimo ne riprende la melodia in chiave ancora più tenebrosa. Narrata dalla particolare quanto affascinante voce dell'enigmatica Blacklady arriva "Blacklady Kiss", una triste suite dall'alto alone mistico dove la chitarra produce cascate di riff malinconici accompagnata da un moog dal suono intensamente nostalgico. La seguente "Deviens Folle" (incantevole la voce di Katia) ne prosegue lo stato umorale; la luce del suo start acustico lascia presto spazio al buio totale, con il pianoforte e la chitarra acustica che recitano un ruolo primario creando un'atmosfera di tenebrosa attesa e lasciando poi spazio ad una desolante melodia orchestrale. "In Rain" alterna una prima porzione simil liturgica (che mette in evidenza il lavoro dell'organo, del moog e un divino coro gregoriano) ad una seconda hard dove la chitarra di Antonio si produce in torrenziali e magnetici assoli (un perfetto quadro sonoro della microsceneggiatura dalla quale è nato il brano). "Godwitch" è un brano in crescendo aperto da una intro di pioggia cui subentra una sofferta melodia dove pianoforte, moog, chitarre acustiche e cori monastici costruiscono una canzone dall'andamento ipnotico, quasi come fosse sospesa nel vuoto. Un pezzo shock. Un rito esorcistico apre invece "Possaction (Azione del possesso)", musicalmente basata su una splendida melodia d'organo. Un coro religioso è contrapposto alle urla disperate di S.B. (quasi il primo volesse cercare di coprire le forze del male) e il contrasto crea un effetto straniante. La voce della posseduta è un documento vero. Un album che si chiude quindi nel nero più abissale e assoluto, una gemma partorita da un artista che da anni vive a stretta affinità elettiva con il mistero non temendolo, ma anzi percependone e assaporandone i lati positivi, traendone vantaggio per l'ispirazione e la realizzazione di opere come questa. Jacula is back... per rimanere in eterno. Amen.


JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impressions

L'esoterica leggenda Jacula, che aveva riposto definitivamente una pietra tombale sulla propria arte occulta nel lontano 1972, svela nuovamente i suoi oscuri propositi e le sue minacciose musiche, esuscitando dal sepolcro annerito dallo scorrere impietoso del tempo, a quasi mezzo secolo di distanza dal suo precoce silenzio. Pre Viam (anagramma di Vampire) è il nuovo manifesto di arte nera inscenato con perizia creativa trasudante apocalittici scenari contemplativi e funeste atmosfere che fanno sprofondare in un vorticoso girone infernale. Sorta di mitologica creatura dark, status che si è guadagnato grazie a due opere dalla sensibilità funerea come In "Cauda Semper Stat Venenum" e "Tardo Pede in Magiam Versus", l'enigmatico e terrificante misticismo trasposto in un pentagramma di note rimbombanti echi sinistri non si è affatto affievolito ascoltando in ogni singolo episodio il nuovo lavoro, anzi quell'alone cupo e aggiacciante che ha sempre rivestito come una cappa cinerea la fantasia sonora del gruppo guidato da Magus Antonius, seppur diversificato secondo logiche e idealizzazioni leggermente più moderniste, mantiene ancora intatto quel manto gelido e rabbrividente che rappresenta una delle maggiori peculiarità dello stile di questa formazione unica e irripetibile. Un clima crepuscolare che ci accompagna dalla prima fino all'ultima nota di un percorso auditivo originalissimo, che dispiega le sue fauci graffianti nel rito misterico a cui soggiace l'iniziale JACULA IS BACK, ondeggiante fra organi chiesastici, essenziali battiti di timpani che donano una profondità a dir poco abissale e i riffs ultraterreni elaborati alla lead guitar, che sviscera con torrenziali fendenti elettrici una comunione/possessione con il fantasma sabbathiano di Iommi... ma anche con il superlativo John Petrucci, chitarrista dei Dream Theater. La successiva PRE VIAM si apre tra fascinosi rintocchi di chitarra acustica e ondate di synth innalzandosi progressivamente su un andamento maestoso e solenne impreziosito da una seducente voce femminile: una liturgia funebre solcata dai preziosi tasti d'avorio del church organ rigurgita come una danza macabra popolata di ectoplasmi fino alla sequenza finale della composizione, dominata dal suono frastornante e incubico di un violoncello minimale, una vera perla di perdizione nei meandri oscuri più peccamosi e lascivi! BLACKLADY KISS (non fuggire la morte ma baciala) non fa diminuire la tensione emotiva, incanta con la sua bellezza pericolosa che giostra su un ondivago assolo di moog old fashioned, proprio come se antico e moderno fossero fusi in un'unica cellula in una simbiosi perfetta ed equilibrata. I lievi accenti tastieristici che introducono DEVIENS FOLLE brillano di romanticismo decadente, ma l'incipit che si stempera inizialmente lascia presto spazio a una caduta nel baratro plumbeo di una cortina carica di introspezione splendida nel suo ipnotico incedere.... amore e morte. Più tranquillizzante sembra l'aura malinconica che permea i primi accenni di IN RAIN, abbellita da un favoloso corale di scuola gregoriana che idealmente ci fa piombare in una impenetrabile fortezza medievale dedita al culto della più alta spiritualità, ma il soave cantato in latino progressivamente sfuma tra l'adombrare di gotiche vestigia rifinite dall'onnipresente organo a canne, per trasformarsi nell'ennesimo viaggio di suggestione magnetica rivelando un flusso mesmerico di titanici assoli chitarristici ed effetti claustrofobici. Giunti quasi alla coda di questa intrigante opera sonora, ci si imbatte dapprima nelle venefiche spire ammaliatrici di GODWITCH, introdotta da dolenti arrangiamenti di piano offuscati dall'approssimarsi delle ondate del synth, dalle profonde alchimie strumentali disegnate dal moog e da quel respiro ritmico appena abbozzato, caratteristiche sublime della cifra stilistica degli Jacula, trasmesso con immane poteza dai timpani e dal divino hammond finale. Un'ossessione dal fascino irresistibile che sfocia poi nell'ultimo segmento, la terrificante POSSACTION dalle sinuose stilettate marziali, che tra urla strazianti e disperate dell'adepta S.B. scomparsa nel 2010 per possessione diabolica e i paurosi effetti di una vera e propria ossessione satanica, fa calare il sipario in maniera divina su un album che testimonia come la più grande formazione dark mai esistita sul nostro pianeta, riesca ancora oggi a donarci vibrazioni durature nel tempo.

Pre Viam è cibo per la mente, per l'anima, per le corde più sensibili di chi vorrà intraprendere un cammino salvifico attraverso l'arte del suono più tremendamente sinistra.....Anti commerciali e anticonvenzionali, come da sempre, la dark-band è la magia nella realtà odierna con stile unico.


LAURA C. (Lady L.) pianista
JACULA - “Pre Viam” (2011 album)
2011 - impressions

Jacula... so per certo che Antonio non ama questo nome...... ha sempre detto...... "mi" ha sempre detto che è troppo epidermico. Adesso è PRE VIAM a dire quello che succederà prima di prendere quella strada....... sette songs + un video per il cd, come declama il sito ufficiale.... ma i pezzi sono otto per il vinile destinato a puristi e collectors. Il brano misterioso parla di ABBANDONO, di solitudine nella metropoli, di fuga spinta dalla tristezza, di vento, lacrime, grida, sussurri congelati da pianoforti divini, moog e timpani rituali. I musicisti ad aver realizzato questa ennesima opera d'arte sono ancora SOLO DUE... anche perchè penso che Florian Gorman conti ben poco... o addirittura sia uno scemo plagiato del villaggio, come succede a molti personaggi che sono al seguito dei due leaders. La grande assente è Doris Norton, la quale non avrebbe voluto mettere le mani su questo disco poichè in esso è contenuto lo strazio originale di una povera vittima della band, ceduta al demone e posseduta dallo stesso. Naturalmente sto parlando dell'estasi nera dell'ultimo brano del CD. Al di là...... PRE VIAM è ancora una volta fantastico sognante...... per me è la grande storia, realizzata con la grande musica, con uno spiritualismo abnorme assoluto....... in quanto tale suicida.
KISS..... I'm Laura (DAV)